• Sport
  • domenica 7 aprile 2019

Alberto Bettiol ha vinto il Giro delle Fiandre

Non aveva mai vinto una corsa tra i professionisti, lo ha fatto domenica in una "classica" del ciclismo internazionale

Alberto Bettiol al traguardo di Oudenaarde (AP Photo/Geert Vanden Wijngaert)

Il ciclista italiano Alberto Bettiol ha vinto il Giro delle Fiandre, la seconda grande “classica” annuale del ciclismo internazionale, corsa domenica da Anversa ad Oudenaarde, in Belgio. Bettiol, che ha 25 anni e corre per la Education First, non aveva mai vinto una corsa tra i professionisti. In Belgio è arrivato al traguardo in solitaria, dopo aver staccato tutti a una ventina di chilometri dal termine. Al secondo posto si è piazzato il danese Kasper Asgreen mentre in terza posizione è arrivato il norvegese Alexander Kristoff. L’ultima vittoria di un italiano al Fiandre fu dodici anni fa con l’ex campione del mondo Alessandro Ballan.

Prima della vittoria al Giro delle Fiandre, il miglior risultato di Bettiol era stato un terzo posto al Giro di Polonia e un secondo alla Bretagne Classic Ouest-France. Poche settimane fa era arrivato secondo in una tappa della Tirreno-Adriatico.

Il Giro delle Fiandre è una corsa ma anche una sorta di grandissima sagra di paese. Il percorso misurava 267 chilometri e le sue difficoltà principali erano due: il pavé e i muri, le salite brevi e ripide (in pavé). Il principio secondo cui una ruota fa fatica a girare su dei cubetti spigolosi – e le leggi della gravità – rendono questa corsa difficile per chi la fa e appassionante per chi la guarda. Vincenzo Nibali, che nel 2018 la corse per la prima volta, disse all’arrivo che gli era sembrato di stare in una lavatrice.

Anche l’edizione femminile del Giro delle Fiandre è stata vinta da un’italiana: Marta Bastianelli, già vincitrice dell’oro ai Mondiali di Stoccarda del 2007 e agli Europei di Glasgow del 2018.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.