• Mondo
  • sabato 6 aprile 2019

La famiglia che voleva guadagnare curando l’epidemia che aveva creato

Sono i Sackler, proprietari della casa farmaceutica Purdue, che contribuì in modo determinante alla crisi degli oppioidi con il farmaco OxyContin

La sede di Purdue Pharma a Stamford, Connecticut. (Drew Angerer/Getty Images)

Un’inchiesta del New York Times e due cause legali nello stato di New York e nel Massachusetts accusano la casa farmaceutica Purdue Pharma, produttrice dell’oppioide Oxycontin, di aver cercato di trarre profitto curando una dipendenza che lei stessa aveva contribuito in maniera determinante a creare. È l’ultimo sviluppo dell’enorme questione della cosiddetta “epidemia degli oppioidi”, una delle più gravi piaghe sociali ad aver colpito gli Stati Uniti negli ultimi trent’anni: un fenomeno poco raccontato all’estero, ma che è stato centrale nel dibattito pubblico americano degli ultimi anni.

Il contesto, in breve
Gli oppioidi sono farmaci con effetti simili a quelli della morfina, e quindi usati principalmente per la gestione del dolore. Cominciarono a essere sintetizzati nel primo Novecento, ma la loro diffusione è molto più recente e risale agli anni Novanta. In quel periodo la casa farmaceutica Purdue mise sul mercato l’ossicodone, commercializzato come OxyContin, e cominciò una campagna di marketing molto aggressiva per convincere i medici a prescriverlo come sollievo per il dolore, sostenendo che potesse essere usato per trattare i dolori cronici senza problemi di dipendenza.

La strategia funzionò molto bene. L’OxyContin si diffuse capillarmente, non solo tra i malati ma anche tra gli amici e i familiari, compresi i figli adolescenti dei pazienti che lo usavano, e presto si sviluppò anche un mercato nero. I medici abusarono delle prescrizioni di ossicodone, e in moltissimi casi i pazienti cominciarono a prolungarne l’assunzione anche oltre i laschi termini raccomandati dai medici. Gli Stati Uniti, dove il sistema sanitario basato sulle assicurazioni rende certe terapie molto costose, furono un terreno fertile per la diffusione degli oppioidi, che garantivano sollievo dal dolore e anche un apparente miglioramento dell’umore.

Ma l’ossicodone creava gravi problemi di dipendenza, e presto sul mercato arrivarono alternative ancora più pericolose come il fentanyl, il farmaco cento volte più potente della morfina per cui morì il cantante Prince. Il suo fu un caso tutto meno che isolato. Le morti per overdose da farmaci negli Stati Uniti sono diventate frequentissime negli ultimi vent’anni: si stima che dal 1999 siano state 700mila, in buona parte legate proprio agli oppioidi. Nonostante il ruolo centrale avuto per via della diffusione dell’ossicodone, Purdue Pharma è solo una delle molte case farmaceutiche coinvolte nella crisi degli oppioidi.

Purdue e la famiglia Sackler
Attualmente la casa farmaceutica Purdue sta affrontando circa 1.600 cause legali negli Stati Uniti: l’accusa è che abbia contribuito in maniera determinante, con le sue strategie di marketing aggressive e irresponsabili, a creare e alimentare l’epidemia di oppioidi. Purdue è di proprietà della famiglia Sackler, accusata da molte inchieste giornalistiche e cause legali di aver continuato a promuovere il farmaco come alternativa sicura agli antidolorifici anche quando aveva a disposizione abbondanti prove scientifiche che non era così. Richard Sackler, ex presidente di Purdue, è accusato dal procuratore generale del Massachusetts di aver cercato di presentare OxyContin come “non-narcotico” nonostante non lo fosse, rinunciando solo su pressione dello stesso creatore del farmaco.

Molte delle cause affrontate negli anni da Purdue si sono concluse: nel 2007, per esempio, in un processo federale la società dovette dichiararsi colpevole di aver ingannato dottori, pazienti ed enti di controllo sui rischi di dipendenza e di abuso dell’ossicodone. Dovette pagare 600 milioni di dollari di multe e risarcimenti.

Project Tango
Negli scorsi giorni è emerso un nuovo sviluppo. Purdue e la famiglia Sackler sono accusate di aver architettato un sistema per trarre profitto dalla cura dei problemi di dipendenza creati da OxyContin. Uno dei documenti interni diffusi nell’ambito della causa legale nello stato di New York dice che «il trattamento del dolore e la dipendenza sono naturalmente legati», e mostra un grafico che sembra indicare direttamente una correlazione tra il numero di pazienti che usano l’oppioide e quelli potenzialmente interessati alla cura per la dipendenza.

Il piano fu accantonato nel 2014, ma secondo il New York Times dal 2016 i piani per vendere farmaci contro la dipendenza come il naloxone o la buprenorfina furono nuovamente attivati, ottenendo anche brevetti e approvazioni. Purdue ha risposto negando le accuse, e ricordando di aver aderito a varie iniziative benefiche per combattere le dipendenze da oppioidi, citando una donazione di 75 milioni di dollari a un centro di cura di Tulsa, in Oklahoma. Ma quella donazione fu il risultato di un pateggiamento in una delle varie cause legali mosse contro l’azienda: Purdue, quindi, ha provato a prendersi il merito di una cosa che è stata costretta a fare per legge.

Purdue sostiene anche che nessun membro del consiglio di amministrazione della società ebbe a che fare con il Project Tango, anche se la causa nello stato di New York sostiene che almeno Kathe Sackler – che faceva parte del consiglio – avesse partecipato alla sua revisione.