• Mondo
  • giovedì 28 marzo 2019

Anche il Lussemburgo ha firmato un accordo sulla “Belt and Road Initiative” con la Cina

Il primo ministro del Lussemburgo Xavier Bettel, mercoledì, ha firmato un accordo con la Cina sulla “Belt and Road Initiative” (BRI), il grande e controverso programma di investimenti cinesi nel mondo per la costruzione di infrastrutture commerciali. L’accordo tra Cina e Lussemburgo è stato firmato pochi giorni dopo che l’Italia era diventato il primo paese del G8 a sottoscrivere un accordo relativo alla BRI. La decisione del governo italiano era stata molto criticata, soprattutto dagli Stati Uniti, per via del crescente ruolo che la Cina sta cercando di avere nelle dinamiche commerciali mondiali, tramite grossi investimenti in paesi esteri.

Xi Jinping e la moglie Peng Liyuan arrivano all'aeroporto di Fiumicino, 21 marzo 2019 (AP Photo/Andrew Medichini)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.