• Sport
  • lunedì 18 marzo 2019

Per l’Italia femminile di rugby è stato il miglior Sei Nazioni di sempre

Mentre gli uomini sono in difficoltà e non vincono una partita da anni, le donne sono arrivate seconde dietro l'Inghilterra

Le giocatrici dell'Italia dopo la vittoria contro la Francia (Federazione Italiana Rugby)

In contemporanea al Sei Nazioni di rugby disputato dalle nazionali maschili – quello dove l’Italia continua a non vincere – ogni anno se ne giocano altri due paralleli: quello delle nazionali giovanili under-20 e quello femminile, sempre con le stesse sei partecipanti. L’Italia ha concluso il Sei Nazioni Under-20 in penultima posizione davanti alla Scozia, battuta in trasferta nell’unica vittoria di questa edizione. La Nazionale femminile ha invece ottenuto un risultato storico, concludendo il torneo per la prima volta in seconda posizione dietro alla fortissima e favoritissima Inghilterra, migliorando il terzo posto del 2015.

La squadra allenata da Andrea Di Giandomenico ha ottenuto il secondo posto vincendo 31-12 lo scontro diretto contro la Francia, detentrice del titolo, domenica pomeriggio allo stadio Plebiscito di Padova. L’Italia è riuscita a vincere senza concedere alle avversarie il punto bonus e ottenendolo invece a sua volta per aver segnato quattro mete (bonus offensivo). Nei turni precedenti l’Italia aveva battuto 28-7 la Scozia a Glasgow, pareggiato 3-3 a Lecce con il Galles e vinto 29-27 contro l’Irlanda a Parma. La settimana scorsa, a Exeter, aveva subito una pesante sconfitta per 55-0 contro l’Inghilterra, squadra che quest’anno si è dimostrata di livello nettamente superiore alle avversarie, vincendo anche il “Grande Slam”.

Dal 2007, anno in cui rimpiazzò la Spagna come sesta partecipante del torneo, l’Italia femminile non ha mai sfigurato ed anzi si è dimostrata anno dopo anno sempre più competitiva, creando attorno a sé un ambiente positivo che sta trascinando tutto il movimento femminile. Nel Sei Nazioni, a eccezione di una edizione, ha sempre ottenuto almeno una vittoria, arrivando anche a due e tre nelle annate più positive. La vittoria a Padova contro la Francia le ha fatto guadagnare inoltre un posto nel ranking mondiale, dove ora è sesta tra Stati Uniti e Australia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.