Un ragazzo fa il bagno a Powidz, Polonia, nell'agosto 2018 © Agnieszka Maruszczyk. All rights reserved. (Smithsonian Magazine)

14 foto finaliste del concorso dello Smithsonian

Scelte tra le oltre 48mila che sono state inviate da tutto il mondo al mensile del celebre istituto di Washington

Un ragazzo fa il bagno a Powidz, Polonia, nell'agosto 2018 © Agnieszka Maruszczyk. All rights reserved. (Smithsonian Magazine)

Lo Smithsonian Magazine – il mensile ufficiale dello Smithsonian Institution, l’istituto di istruzione e ricerca amministrato e finanziato dal governo degli Stati Uniti – ha annunciato le foto finaliste della 16esima edizione del suo concorso fotografico. Le 60 fotografie scelte come finaliste sono state selezionate tra oltre 48mila foto proposte, arrivate da 207 paesi, e sono divise in sei categorie: Natural World (Natura), People (Persone), The American Experience (Esperienza americana), Altered Images (Immagini ritoccate), Mobile (Immagini scattate da cellulare) e Travel (Viaggi). Fino al 29 marzo sarà possibile vedere tutte le foto finaliste e votare (qui) il Readers’ Choice Winner, cioè l’immagine più bella secondo i lettori: il 2 aprile verranno annunciati i vincitori in ogni categoria. Ci sono paesaggi islandesi, rievocazioni di Alice nel paese delle meraviglie, squali gonfiabili e animali di notte.

Dal 1970 lo Smithsonian Magazine è il mensile ufficiale dello Smithsonian Institution, che ha sede a Washington DC e gestisce 19 musei negli Stati Uniti e nel mondo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.