È venuto prima il muletto o il bancale?

Il primo fa una sola cosa, e il secondo è costruito precisamente per fargliela fare: e quindi com'è andata? Dipende da cosa intendiamo per “bancale”

Un operaio su un muletto sposta dei bancali fuori da un hotel di Atlantic City, in New Jersey. (Michael Ein/The Press of Atlantic City via AP, File)

Lo slogan della National Wooden Pallet and Container Association, la più grande organizzazione di produttori di imballaggi in legno al mondo, è «i bancali muovono il mondo». Non è un’esagerazione: praticamente ogni merce distribuita fisicamente si sposta, a un certo punto, imballata sopra un bancale in legno, chiamato molto spesso anche “pallet”. Solo negli Stati Uniti se ne producono più di mezzo miliardo ogni anno. Ciascuno può sostenere circa 1.000 chili di merce, e sono il metodo più pratico e conveniente che abbiamo inventato per muovere e organizzare grandi quantità di beni. I bancali vengono spostati, sollevati e ammassati con i muletti, cioè quei mezzi da lavoro caratterizzati da una forca a due bracci che si infilano esattamente sotto i pallet.

Il muletto fa una sola cosa, e il pallet è costruito precisamente per fargliela fare: sono due strumenti che esistono l’uno in funzione dell’altro, in pratica. Da cui la domanda: quale dei due è nato prima? Il bancale di legno che non può essere spostato se non con un muletto, o il muletto costruito per spostare di fatto solo una cosa a forma di bancale? La risposta è “dipende da cosa intendiamo per pallet”, secondo un articolo uscito sul sito specializzato Packaging Revolution.

Il concetto di bancale, infatti, esiste da secoli e probabilmente da millenni: anche gli antichi egizi infatti usavano delle strutture in legno che scorrevano sul suolo per trasportare i materiali. Se consideriamo anche questi oggetti come bancali, allora non c’è dubbio che siano venuti prima dei muletti. Ma più che altro erano strutture usate per immagazzinare le merci, più che per muoverle: quelle adatte a essere spostate arrivarono soltanto alla fine dell’Ottocento.

Prima dei muletti, ovviamente, arrivarono gli antenati dei “transpallet”, cioè quei carrelli manuali (anche elettrici, oggi) usati per spostare, ma non per alzare, i bancali (si vedono spesso anche nei grandi negozi). All’inizio però non avevano le forche a due bracci, ed erano usati per alzare di pochi centimetri e spostare le strutture in legno che non erano ancora i bancali che conosciamo oggi, e che spesso avevano inserti in metallo. La svolta arrivò tra la fine degli anni Dieci e l’inizio degli anni Venti, quando furono messi a punto i primi muletti in grado non soltanto di spostare i bancali in orizzontale, ma anche in verticale.

Questo fu un momento importante, perché da lì in poi i bancali diventarono uno strumento fondamentale per stoccare le merci in verticale, cambiando radicalmente il modo in cui erano organizzati i magazzini. Fu quindi l’invenzione dei muletti a indirizzare l’evoluzione dei bancali nel senso in cui li conosciamo oggi: se quindi consideriamo i pallet attuali, costruiti con la forma che conosciamo tutti, allora è venuto prima il muletto.

Tra gli anni Venti e i Trenta i pallet cominciarono a seguire misure e forme standard, e si accumularono i primi brevetti. Da un lato si studiò come renderli più resistenti, dall’altro come far sì che si incastrassero meglio con i bracci dei muletti. Sulla superficie superiore, le assi vennero distanziate in modo da rendere più facile lo scorrimento delle merci. Su quella inferiore, vennero aggiunte delle assi per rinforzare la struttura e migliorare la distribuzione del peso. All’inizio i pallet erano più “piatti”, e i carichi venivano impilati distanziandoli tra di loro con delle assi di legno. Presto si capì che c’era un modo migliore: i blocchetti di legno che collegano la plancia superiore a quella superiore dei pallet vennero introdotti in questo periodo, con il doppio scopo di rendere i pallet più robusti e di creare lo spazio in cui infilare i bracci del muletto.

(dal sito pallet.com)

Secondo Packaging Revolution, i primi documenti che attestano il trasporto su rotaia di pallet moderni negli Stati Uniti risalgono alla fine degli anni Venti. La diffusione di massa dei bancali arrivò con la Seconda guerra mondiale, dove furono fondamentali per l’organizzazione logistica dell’esercito statunitense, che li spedì e fece conoscere in tutto il mondo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.