(ANSA/ANGELO CARCONI)
  • Italia
  • venerdì 8 marzo 2019

Lo sciopero generale di oggi: le cose da sapere

Coinvolgerà i mezzi di trasporto, le scuole, le strutture sanitarie e non solo, e durerà l'intera giornata

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Uno sciopero generale e nazionale di 24 ore è stato indetto dai sindacati CUB (Confederazione Unitaria di base), USB (Unione Sindacale di Base) e SGB (Sindacato Generale di Base). Tra i motivi dello sciopero ci sono la violenza sulle donne – oggi è anche la Festa della donna –, la discriminazione di genere, la disparità di salari tra uomini e donne, il diritto ai servizi pubblici e al reddito universale. Allo sciopero ha aderito anche il movimento femminista Non una di meno.

Chi in queste ore deve spostarsi nelle grandi città può consultare il sito dell’azienda dei trasporti o del comune di riferimento, dove solitamente si trovano tutte le informazioni: sul sito del comune di Roma si legge che attualmente le metro sono tutte aperte con riduzione di corse per lo sciopero, ma sarà rispettata la fascia oraria di garanzia che va dalle 17 alle 20. Il sito di ATM, l’azienda di Milano, informa che le linee M2 e M5 sono chiuse: lo sciopero dei dipendenti dell’azienda dovrebbe durare dalle 8:45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizio. Qui trovate gli orari dello sciopero dei dipendenti dell’azienda GTT di Torino, qui quelli di ANM, Azienda Napoletana di Mobilità, qui quelli di Ataf, l’azienda dei trasporti di Firenze.

Per quanto riguarda gli altri tipi di trasporti, sul sito del ministero delle Infrastrutture si possono controllare tutte le categorie di lavoratori nel settore che hanno aderito e gli orari delle proteste: ci sono potenziali disagi per il traffico aereo e ferroviario. Inoltre, sarà sciopero anche per tutti i dipendenti della sanità pubblica e del settore scolastico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.