• Mondo
  • mercoledì 6 marzo 2019

Mercoledì più di 2mila persone hanno lasciato Baghuz, l’ultima città in Siria ancora controllata dall’ISIS

Una fonte militare delle Forze democratiche siriane (SDF), coalizione di arabi e curdi che sta combattendo contro l’ISIS in Siria, ha detto a Reuters che mercoledì più di 2mila persone hanno abbandonato Baghuz, l’ultima città siriana ancora sotto il controllo dello Stato Islamico. Altre 6.500 persone, tra cui centinaia di miliziani dell’ISIS, avevano lasciato la città nelle precedenti 24 ore, per evitare di continuare a combattere: molti di loro si sono consegnati alle forze delle SDF in condizioni pessime, feriti ed esausti. Sarah el Deeb, giornalista di Associated Press, ha scritto che in città rimangono diversi foreign fighters che continuano a imporre un regime severo e violento ai civili che per diverse ragioni sono rimasti a Baghuz.

La battaglia per la conquista di Baghuz è iniziata sabato della scorsa settimana e potrebbe non essere rapidissima, visto che l’ISIS sta impiegando cecchini, ordigni e autobombe per rallentare l’avanzata delle SDF.

Uomini, donne e bambini su un furgone dopo avere lasciato Baghuz, in Siria (AP Photo/Andrea Rosa)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.