La capsula Crew Dragon di Space X è riuscita ad agganciarsi alla Stazione Spaziale Internazionale

La capsula Crew Dragon della società Space X è riuscita ad agganciarsi in modo autonomo alla Stazione Spaziale Internazionale. La capsula era stata lanciata ieri mattina da Cape Canaveral, in Florida. La missione, chiamata Demo-1, ha lo scopo di testare la possibilità di usare la capsula per portare astronauti dalla Terra alla Stazione Spaziale, ma in questo caso non ce n’erano. Nella capsula c’è però un manichino: si chiama Ripley, in omaggio a Ellen Ripley, la protagonista di Alien, ed è dotato di alcuni sensori che permetteranno di capire a quali condizioni sarebbe sottoposto un passeggero umano. Se tutto dovesse andare come previsto, tra qualche giorno la capsula tornerà a Terra. Il primo volo con esseri umani al posto di Ripley potrebbe essere organizzato già entro quest’anno.

(Immagine NASA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.