Il Movimento 5 Stelle cambierà, dice Di Maio

E diventerà un po' più simile agli altri partiti, dopo la grave sconfitta in Sardegna: il limite dei due mandati non varrà più per i consiglieri comunali, per esempio

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Il capo politico del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha annunciato che nei prossimi giorni inizierà una vasta opera di riforma del partito, con lo scopo di rispondere alle gravi sconfitte che il partito continua a subire nelle elezioni locali. L’ultima in ordine di tempo è avvenuta domenica in Sardegna, in cui rispetto alle elezioni politiche del 4 marzo il Movimento ha perso tre voti su quattro passando dal 40 al 9 per cento. I cambiamenti proposti saranno sottoposti al dibattito e al voto degli iscritti, ha detto Di Maio.

In diretta dalla Camera dei deputati, vi voglio parlare di alcune novità. Collegatevi!

Gepostet von Luigi Di Maio am Dienstag, 26. Februar 2019

Il più importante di questi cambiamenti è la rimozione del limite dei due mandati per i consiglieri comunali. Di Maio era visibilmente agitato mentre annunciava il cambiamento di una delle più importanti regole interne del Movimento, che lui stesso più volte aveva detto mai sarebbe cambiata. L’annuncio gli è quindi uscito abbastanza ingarbugliato: per i consiglieri comunali, ha detto Di Maio, «dal secondo mandato si può pensare che non valga come secondo mandato».

Rispondendo alle domande dei giornalisti, Di Maio ha aggiunto che la rimozione del limite dei due mandati potrebbe riguardare anche i sindaci, ma che questo tema sarà oggetto del dibattito tra gli iscritti. Non è chiaro se ci sarà la possibilità di eliminare la regola anche per i consiglieri regionali e gli eventuali presidenti di regione che il Movimento dovesse riuscire a eleggere; sembra invece che il limite rimarrà senza modifiche per parlamentari nazionali ed europei.

Di Maio ha anche annunciato che sarà discussa la possibilità di creare una struttura centralizzata e gerarchica con funzioni di guida e coordinamento del partito: di fatto una segreteria. Attualmente l’unico incarico politico attivo previsto dallo statuto del Movimento è quello di capo politico, ricoperto attualmente da Di Maio. Non è previsto che il capo politico sia affiancato né da una segreteria, né una struttura territoriale.

Di Maio ha proposto di rimediare a queste due mancanze: «Per riuscire a essere forti alle amministrative dobbiamo darci un’organizzazione a livello nazionale e a livello regionale». Quando gli è stato chiesto se sarà lui a scegliere i componenti di queste due nuove strutture, Di Maio ha risposto che anche questo punto sarà deciso dagli iscritti.

Infine, Di Maio ha detto che gli iscritti dovranno discutere e decidere l’apertura a possibili alleanze con le liste civiche in occasione delle elezioni locali. Di Maio ha ripetuto diverse volte che questi cambiamenti non saranno «calati dall’alto» e che non snatureranno lo spirito del partito –«L’anima del Movimento non cambia, diventa solo più adulto» – anche se è un fatto che porteranno il M5S ad assomigliare ancora di più ai partiti che ha contestato fin dalla sua nascita, specie se si conta che negli ultimi anni anche altre regole-bandiera del Movimento sono state accantonate, come l’obbligo di dimissioni per gli indagati.

Da giorni che i giornali parlavano di una possibile riorganizzazione interna al Movimento 5 Stelle. La necessità di un cambiamento è emersa dopo la grave sconfitta subita alle regionali in Abruzzo, nella cui campagna elettorale Di Maio e molti altri dirigenti del Movimento si erano a lungo spesi in prima persona. Di Maio aveva già annunciato che il Movimento avrebbe dovuto decidere con maggior attenzione dove presentarsi e dove invece rinunciare a correre.

Nei giorni successivi i quotidiani hanno raccontato di diversi incontri avvenuti tra lui, Beppe Grillo, il fondatore del Movimento e proprietario del suo simbolo, e Davide Casaleggio, proprietario della piattaforma Rousseau attorno a cui è organizzata la vita del partito. Nel corso di questi colloqui la possibilità di riforma sarebbe stata a lungo discussa – i giornali riferiscono che Casaleggio sarebbe stato contrario a creare una struttura troppo centralizzata e a rimuovere il limite ai due mandati – e alla fine la linea di Di Maio sarebbe stata accettata.

Non è chiaro in che tempi e con quale modalità questi cambiamenti saranno portati avanti. Nel suo discorso Di Maio è sembrato accennare a lunghe discussioni e votazioni da tenere più in là nel tempo. «Non abbiamo fretta, il tema non è le prossime amministrative», ha detto a un certo punto. I giornali, però, scrivono che le prime votazioni potrebbero tenersi già domani. È già accaduto in passato che gli iscritti al partito ricevessero pochi giorni o poche ore per esprimersi su importanti cambiamenti di linea politica e di struttura del Movimento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.