• Italia
  • martedì 19 febbraio 2019

Le norme sulla protezione umanitaria introdotte dal “decreto sicurezza” non sono retroattive, dice la Cassazione

Con una sentenza sul caso di un migrante al quale era stata respinta la richiesta di protezione umanitaria, la Corte di Cassazione ha stabilito che le norme restrittive introdotte dal cosiddetto “decreto sicurezza” voluto dal ministro dell’Interno non possono essere applicate alle domande presentate prima del 5 ottobre, cioè la data di approvazione del decreto.

Tra le altre cose, infatti, il decreto ha cancellato i permessi di soggiorno umanitari, una delle tre forme di protezione che potevano essere accordate ai richiedenti asilo (insieme all’asilo politico vero e proprio e alla protezione sussidiaria). La protezione umanitaria durava per due anni e dava accesso al lavoro, alle prestazioni sociali e all’edilizia popolare. Al suo posto il decreto ha introdotto una serie di permessi speciali (per protezione sociale, per ragioni di salute, per calamità naturale nel paese d’origine), della durata massima di un anno. Repubblica scrive che “ora è prevedibile una pioggia di ricorsi” perché “la maggior parte delle domande che sono state esaminate (e respinte) in questi mesi dalle Commissioni d’asilo sono state tutte presentate prima di ottobre”.

Migranti sgomberati dall'ex villaggio olimpico di Torino nell'agosto del 2018. (ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.