Amazon ha pagato zero tasse federali negli Stati Uniti nel 2018

Ci è riuscita anche grazie alla riforma fiscale di Trump, nonostante i suoi profitti siano raddoppiati rispetto all'anno precedente

(AP Photo/Richard Drew)

Nel 2018 Amazon ha raggiunto gli 800 miliardi di valore di mercato e ha avuto profitti che sono arrivati a 11,2 miliardi di dollari, il doppio rispetto all’anno precedente. Ma nonostante sia una delle più ricche e più importanti società al mondo, lo scorso anno è riuscita a non pagare nessuna tassa federale sul reddito negli Stati Uniti. Lo ha detto l‘Institute on Taxation and Economic (ITEP), un’organizzazione no-profit che si occupa di analisi fiscali, che ha mostrato come la società di Jeff Bezos abbia avuto anzi 129 milioni di dollari di rimborsi fiscali. Nel caso di Amazon l’aliquota sui redditi societari, che negli Stati Uniti è del 21 per cento, grazie a queste detrazioni è scesa infatti fino al -1 per cento.

Non è la prima volta che succede, visto che anche lo scorso anno Amazon non aveva pagato tasse sui 5,6 miliardi di dollari di profitti. La cosa era riuscita a mettere d’accordo personalità politiche molto distanti, come il senatore democratico Bernie Sanders e il presidente Donald Trump, entrambi molto critici nei confronti di Amazon. Ed è legale.

Come nota l’ITEP, innanzitutto, sono state proprio le politiche di Trump a permettere ad Amazon alcuni di questi vantaggi. La riforma fiscale voluta da Trump, abbassando l’aliquota massima dal 35 al 21 per cento per le aziende, avrebbe dovuto incentivare investimenti da parte delle imprese, ma non ha saputo bloccare alcune scorciatoie che hanno permesso a grandi società di pagare meno tasse sui profitti. Oltre a un imponibile fiscale già più basso di prima, Amazon è riuscita beneficiare di detrazioni fiscali per i suoi grandi investimenti in ricerca e sviluppo, e di un sistema di compensazioni sotto forma di azioni per i suoi dipendenti – specialmente dirigenti – che vengono fatte rientrare tra le spese da sottrarre alle entrate, per ottenere il reddito imponibile.

La compensazione in forma di azioni è un sistema molto comune, soprattutto tra le piccole start-up che non hanno molta liquidità: i dipendenti (di solito i dirigenti) ricevono delle azioni delle società che poi potranno rivendere quando il loro valore sarà salito. Come spiega PoliticalFacta rientrare tra le spese non è però il valore delle azioni al momento dell’assegnazione, ma quello al momento della loro successiva vendita. Azioni assegnate da Amazon qualche anno fa, e rivendute oggi che il loro valore è cresciuto enormemente, fanno quindi crescere tantissimo le spese nel bilancio aziendale, riducendo il reddito imponibile. Quest’anno ha contribuito al crollo del reddito imponibile di Amazon anche un grosso volume di azioni vendute da dipendenti e dirigenti dell’azienda dopo che per anni se le erano tenute.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.