(Oliver Berg/picture-alliance/dpa/AP Images)

Google ha fatto un’estensione per Chrome che controlla se le nostre password sono ancora sicure

Password Checkup verifica che gli account non siano stati violati e suggerisce di cambiare password se nota qualcosa di strano

(Oliver Berg/picture-alliance/dpa/AP Images)

Google ha da poco diffuso Password Checkup, una nuova estensione per il suo browser Chrome che serve per controllare automaticamente la sicurezza dei propri account, verificando se le loro password siano ancora sicure o se siano state violate. Il sistema confronta le proprie credenziali di accesso con una raccolta di oltre 4 miliardi di nomi utente e password, noti per essere stati violati negli ultimi anni e compresi nelle liste che periodicamente vengono diffuse da hacker o esperti di sicurezza.

La violazione delle password è un fenomeno sempre più ricorrente e può mettere a rischio la sicurezza dei propri account e dei dati che contengono. Il problema è che non è sempre possibile rendersi conto se siano state diffuse informazioni sulle proprie password, che potrebbero essere sfruttate da utenti malintenzionati.

Password Checkup controlla istantaneamente le credenziali e segnala l’eventuale necessità di cambiare, per rendere nuovamente sicuri gli account. Il processo di controllo avviene cifrando i dati, quindi né Google né altri utenti possono sottrarre informazioni sugli account mentre viene eseguito il controllo. Servizi analoghi sono già offerti da altre società, ma Google è la prima tra le più grandi aziende di Internet al mondo a offrirlo, per un browser molto utilizzato come Chrome.

A prescindere da sistemi di verifica di questo tipo, il consiglio rimane sempre quello di usare una password diversa per ognuno dei propri account online, di usare sistemi di doppia verifica, servizi per la gestione delle password e di non usare “123456” e “password”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.