(FEDERICO SCOPPA/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • giovedì 31 gennaio 2019

I migranti della Sea Watch 3 sono sbarcati a Catania

Le 47 persone che erano da giorni a bordo saranno accolte da Italia, Francia, Portogallo, Germania, Malta, Lussemburgo e Romania

(FEDERICO SCOPPA/AFP/Getty Images)

Sono sbarcate nel porto di Catania le 47 persone che da giorni erano a bordo della nave Sea Watch 3, dopo essere state soccorse nel mar Mediterraneo. I migranti saranno accolti da Italia, Francia, Portogallo, Germania, Malta, Lussemburgo e Romania, come ottenuto dal governo – soprattutto per volontà del ministro dell’Interno Matteo Salvini – che aveva impedito per giorni alle persone a bordo di sbarcare, cercando di convincere gli altri paesi europei a dare la loro disponibilità. È la fine dell’ennesimo caso in cui poche decine di migranti soccorsi da una nave di una ong sono rimasti per settimane bloccati in condizioni igieniche e sanitarie precarie, per via del divieto di sbarco imposto dal governo.

Tra i 47 migranti ci sono diversi minori non accompagnati, per i quali è stato nominato un tutore come stabilito dalla Corte europea per i diritti dell’uomo. Dalle prime informazioni, invece, i migranti adulti e le famiglie andranno all’hotspot di Messina. La Sea Watch 3 aveva ricevuto l’indicazione di dirigersi verso Catania ieri, quando era al largo di Siracusa: un problema all’ancora aveva però ritardato lo spostamento fino a stamattina.

Salvini ha aggiunto che spera che ora verrà aperta un’indagine sulla nave Sea Watch 3: da mesi Lega e Movimento 5 Stelle portano avanti una dura campagna contro l’attività delle ong che soccorrono i migranti nel mar Mediterraneo, nonostante non siano mai state riscontrate attività illecite nelle numerose e scrupolose inchieste giornalistiche e giudiziarie che hanno avuto come oggetto le ong. L’equipaggio della Sea Watch 3 ha espresso preoccupazione al riguardo, scrivendo su Twitter che – a differenza di quello di Siracusa – il procuratore di Catania «è noto per la sua agenda riguardo alle ONG», e di ritenere «politica» la decisione di farli sbarcare lì. Il procuratore di Catania è Carmelo Zuccaro, che in passato aveva rivolto diverse accuse nei confronti delle ong, ma le cui indagini al riguardo non hanno finora avuto conseguenze.

Negli ultimi giorni la Sea Watch 3 era stata al centro delle attenzioni italiane ed europee: alcuni parlamentari erano saliti a bordo contro il parere della Capitaneria di porto per verificare lo stato di salute dei migranti; la Corte europea per i diritti dell’uomo si era espressa sul caso dopo che era stata tirata in ballo dall’equipaggio della nave, dicendo che l’Italia avrebbe dovuto fornire prima assistenza ai migranti a bordo e tutela legale per i minori non accompagnati, ma aggiungendo che non era obbligata ad autorizzare lo sbarco.

Il Partito Democratico ha accusato Salvini di aver agito illegittimamente bloccando lo sbarco dalla Sea Watch 3, paragonando l’episodio a quello della nave Diciotti della Guardia Costiera, al centro del caso che vede Salvini accusato di sequestro di persona a scopo di coazione, omissione di atti d’ufficio e arresto illegale, e per il quale il Senato deve ora decidere sull’autorizzazione a procedere.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.