Guida al processo Salvini

Quello per sequestro e abuso d'ufficio nel caso Diciotti, che potrebbe iniziare se il Senato darà – come sembra, anche con i voti del M5S – la sua autorizzazione

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Dopo che negli ultimi giorni i principali dirigenti del Movimento 5 Stelle hanno detto che voteranno a favore dell’autorizzazione a procedere in Senato contro Matteo Salvini, il processo al ministro dell’Interno per il caso Diciotti è diventato molto più probabile. Ecco una breve guida per orientarsi in quello che succederà nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.

Di cosa è accusato Salvini?
Il ministro è accusato di sequestro di persona a scopo di coazione, omissione di atti d’ufficio e arresto illegale. Secondo i magistrati che lo accusano, i reati sarebbero stati commessi lo scorso agosto, quando Salvini ordinò alla Diciotti, nave militare della Guardia Costiera, di rimanere nel porto di Catania senza far sbarcare nessuna delle 190 persone partite dalla Libia e dirette in Italia che si trovavano a bordo.

Il reato sarebbe stato commesso da Salvini “nell’esercizio delle funzioni di ministro”, cioè come parte dell’attività istituzionale. Per questa ragione la vicenda ha seguito una procedura giudiziaria particolare: è passata prima dal cosiddetto “tribunale dei ministri” e dovrà passare ora attraverso l’autorizzazione a procedere della camera di appartenenza del ministro. In questo caso, il Senato.

Il tribunale dei ministri
Il caso è partito dalla procura di Agrigento, che ha iscritto Salvini nel registro delle notizie di reato; visto che si trattava di un reato commesso da un ministro nell’esercizio delle sue funzioni, ha trasmesso tutti gli atti a sua disposizione al procuratore della Repubblica presso il tribunale di Catania, che a sua volta li ha inviati all’unico tribunale competente per decidere se procedere nei confronti di un ministro, il tribunale dei ministri.

Il tribunale dei ministri è un tribunale particolare, che esiste in ogni distretto di Corte d’appello ed è composto da tre magistrati sorteggiati ogni due anni. Il tribunale dei ministri ha poteri di indagine, può ascoltare testimoni e ha 90 giorni di tempo per svolgere le sue indagini, prolungabili di altri 60. Al termine delle indagini, il tribunale dei ministri ha due scelte: archiviare il procedimento, una decisione definitiva e non appellabile, oppure trasmettere gli atti alla alla camera di appartenenza dell’indagato per chiedere un’autorizzazione a procedere contro di lui.

Nel caso di Salvini il presunto reato è stato commesso in Sicilia ed è quindi competente il tribunale dei ministri presso la Corte d’appello di Catania, formato al momento da: Fabio Pilato, giudice per le indagini preliminari; Filippo Serio, giudice per le indagini preliminari proveniente dal tribunale del riesame; Giuseppe Sidoti, giudice della sezione fallimentare. Lo scorso 24 gennaio i tre giudici hanno deciso di chiedere l’autorizzazione a procedere al Senato nei confronti di Salvini.

L’autorizzazione del Senato
All’articolo 96 la Costituzione descrive questo ulteriore passaggio: «il Presidente del Consiglio dei Ministri ed i ministri, anche se cessati dalla carica, sono sottoposti, per i reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni, alla giurisdizione ordinaria, previa autorizzazione del Senato della Repubblica o della Camera dei deputati, secondo le norme stabilite con legge costituzionale» (nel caso dei ministri non parlamentari, vota il Senato).

Sarà quindi al Senato che si deciderà se Salvini verrà processato o meno. Il caso arriverà alla giunta per le autorizzazioni mercoledì, che inizierà a discuterne per poi preparare una relazione scritta sulla vicenda. La relazione sarà spedita alla presidente del Senato, che da quel momento avrà 60 giorni per mettere ai voti dell’aula l’autorizzazione a procedere. Se la maggioranza dei senatori dovesse negare l’autorizzazione, la procura dovrà rinunciare a proseguire l’indagine: Salvini sarebbe salvato dai suoi colleghi. Se invece la richiesta venisse approvata, inizierebbero normalmente i tre gradi di giudizio previsti dalla giurisdizione ordinaria.

Come ha notato il sito Pagella Politica, Salvini ha cambiato opinione su quest’ultimo passaggio. Quando la procura di Agrigento gli aveva comunicato l’apertura delle indagini nei suoi confronti, Salvini aveva detto che intendeva farsi processare e che non avrebbe usato i voti della Lega in Senato per salvarsi. La settimana scorsa, però, è sembrato cambiare idea e ha detto invece che si aspettava che il Senato bloccasse la richiesta.

Ci riprovano.Rischio da 3 a 15 anni di carcere per aver bloccato gli sbarchi dei clandestini in Italia.Non ho parole.Paura? Zero.Continuo e continuerò a lavorare per difendere i confini del mio Paese e la sicurezza degli Italiani!#iononmollo

Gepostet von Matteo Salvini am Donnerstag, 24. Januar 2019

Se questa era la sua intenzione, Salvini è stato costretto rapidamente a cambiare idea. Domenica, in un’intervista televisiva, Alessandro Di Battista del Movimento 5 Stelle gli ha chiesto di rinunciare all’immunità fornita dal Senato. Poco dopo il capo politico del Movimento, Luigi Di Maio, ha dichiarato ufficialmente che i senatori del Movimento avrebbero votato a favore dell’autorizzazione. Salvini e diversi esponenti della Lega hanno commentato dicendo di accettare la decisione del Movimento e spiegando di non avere intenzione di mettere a rischio la stabilità della maggioranza parlamentare per questa vicenda.

Se si dovesse arrivare al voto con questo scenario è probabile che Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia voteranno per bloccare l’autorizzazione, senza però riuscire a ottenere la maggioranza assoluta necessaria a respingere l’autorizzazione (a meno di defezioni in loro soccorso da Movimento 5 Stelle, PD e altri partiti di opposizione).