Bing, il motore di ricerca di Microsoft, è nuovamente accessibile in Cina

Bing, il motore di ricerca di Microsoft, è nuovamente accessibile in Cina dopo il blocco avvenuto per diverse ore nella giornata del 24 gennaio. L’impossibilità di utilizzare il servizio aveva fatto pensare a una nuova censura da parte del governo cinese, apparentemente confermata da una dichiarazione resa dalla società di telecomunicazioni statale China Unicom al Financial Times. Microsoft non aveva confermato né commentato la notizia e ora si è limitata a dire che il motore di ricerca è nuovamente disponibile, senza fornire ulteriori spiegazioni. Il blocco potrebbe essere avvenuto per un problema tecnico. Bing è uno dei pochi motori di ricerca esteri a essere ancora consentito in Cina, grazie a un accordo con Microsoft che ha accettato di proporre una versione censurata dei propri servizi come richiesto dal governo cinese. Tutti i principali social network mondiali come Facebook, Instagram e Twitter sono bloccati da anni in Cina, mentre Google decise diversi anni fa di chiudere la propria versione cinese non volendo censurare i risultati delle ricerche.

(Drew Angerer/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.