Bing, il motore di ricerca di Microsoft, è stato bloccato in Cina

Bing, il motore di ricerca di Microsoft, è stato bloccato in Cina. La notizia è iniziata a circolare mercoledì su segnalazione di diversi utenti, in seguito alcune fonti interne alla società di telecomunicazioni cinese China Unicom hanno confermato il blocco al Financial Times, dicendo di avere ricevuto dal governo l’ordine di rendere Bing inaccessibile. Bing era uno dei pochi motori di ricerca esteri a essere ancora consentito in Cina, grazie a un accordo con Microsoft che aveva accettato di proporre una versione censurata dei propri servizi come richiesto dal governo cinese. Non è chiaro che cosa abbia portato al blocco, ma negli ultimi mesi il presidente Xi Jinping ha dimostrato di volere imporre controlli molto più rigidi su Internet. Tutti i principali social network mondiali come Facebook, Instagram e Twitter sono bloccati da anni in Cina, mentre Google decise diversi anni fa di chiudere la propria versione cinese non volendo censurare i risultati delle ricerche.

Il presidente cinese Xi Jinping a Pechino (Fred Dufour - Pool/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.