• Mondo
  • domenica 20 gennaio 2019

In Spagna si sta scavando per raggiungere il bambino caduto in un pozzo

Più di metà del tunnel verticale per arrivare al fondo del pozzo è stato completato, ma non si sa se il bambino sia vivo

I lavori in cima all'altura di Totalán, in Spagna, dove un bambino di 2 anni è caduto in un pozzo, il 19 gennaio 2019 (AP Photo/Gregorio Marrero)

In Spagna i soccorritori impegnati nelle operazioni per recuperare un bambino di 2 anni caduto in un pozzo una settimana fa stanno scavando un tunnel per raggiungerlo. Non si sa se il bambino sia vivo, ma i soccorritori stanno lavorando come se lo fosse. Finora hanno scavato più di 40 metri di tunnel verticale, dei 60 necessari: dopo che il tunnel verticale sarà terminato, dovrà essere scavato un secondo tunnel, orizzontale, di circa 4 metri. Lo scavo è cominciato sabato e i lavori non sono mai stati interrotti. Era stato stimato che in totale ci sarebbero volute venti ore per raggiungere il bambino, ma uno strato di roccia particolarmente duro ha rallentato i lavori.

Un disegno che mostra lo scavo progettato per soccorrere il bambino caduto in un pozzo a Totalán, in Spagna, il 17 gennaio 2019 (JORGE GUERRERO/AFP/Getty Images)

Il pozzo, una lunga cavità verticale dalle pareti lisce ma non puntellate, si trova a Totalán, nel sud della Spagna, vicino a Malaga. È profondo più di cento metri e ha un diametro di circa 25 centimetri. Era stato scavato qualche settimana fa per cercare acqua e avrebbe dovuto essere chiuso con una copertura quando il bambino ci è caduto dentro. I soccorritori non hanno potuto fargli arrivare cibo o acqua perché a circa 70 metri di profondità il pozzo si restringe.

Una volta che il tunnel verticale che i soccorritori stanno scavando in queste ore sarà ultimato, una specie di ascensore costruito appositamente per questa situazione verrà fatto scendere nel tunnel: in questo modo i soccorritori potranno scavare il breve tunnel orizzontale per raggiungere il fondo del pozzo.

Il bambino caduto nel pozzo si chiama Julen Roselló; i suoi genitori vivono a Malaga e due anni fa un altro loro figlio, Oliver, morì di arresto cardiaco all’età di tre anni, mentre la famiglia era in spiaggia.