• Mondo
  • giovedì 10 gennaio 2019

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha prestato giuramento, dando inizio al suo secondo mandato presidenziale

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha prestato giuramento giovedì dando inizio al suo secondo mandato presidenziale, che durerà sei anni. Maduro è considerato dalla stragrande maggioranza della comunità internazionale un leader illegittimo: le opposizioni venezuelane, gli osservatori internazionali e diversi governi stranieri considerano infatti irregolari le elezioni che si sono tenute nel maggio scorso, vinte da Maduro con quasi il 70 per cento dei voti. Alla cerimonia di giuramento, che si è svolta giovedì a Caracas, la capitale del Venezuela, non erano presenti né i rappresentanti dell’Unione e degli Stati Uniti, né quelli del cosiddetto “Grupo de Lima“, che raggruppa 14 paesi del continente americano.

Dopo il discorso di Maduro, il presidente del Paraguay, Mario Abdo, ha annunciato la rottura dei rapporti diplomatici tra il suo paese e il Venezuela, e il conseguente ritiro immediato dei diplomatici paraguaiani da Caracas.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro durante la cerimonia di giuramento (AP Photo/Ariana Cubillos)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.