Se il voto su Brexit non dovesse passare, May avrà solo tre giorni per presentare un nuovo piano

Se il 15 gennaio il Parlamento britannico non dovesse approvare l’accordo su Brexit, Theresa May avrà tre giorni di tempo per presentare un nuovo piano. Si tratta però di tre giorni lavorativi del Parlamento britannico: la scadenza potrebbe quindi essere il 21 gennaio, e non il 18. Il limite di tre giorni è stato previsto dall’emendamento presentato in Parlamento dai Laburisti e appoggiato da 20 deputati Conservatori che è stato approvato martedì sera. L’emendamento prevede anche che, in caso di un’uscita senza accordo con l’Unione Europea, il governo non potrà intervenire su certe tasse senza il consenso del Parlamento. Al momento è molto difficile che l’attuale proposta su Brexit possa essere approvata, perché oltre ai Laburisti si oppongono anche alcuni conservatori. Come ha scritto BBC, prima di questa decisione ci si aspettava che il governo avrebbe avuto «21 giorni per presentare un “piano B” per Brexit».

 

(AP Photo/Alessandra Tarantino, Pool)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.