I migliori videogiochi del 2018

Scelti come ogni anno dal sito The Verge, da quelli più indipendenti a quello dei pistoleri

Come ogni dicembre, il sito di tecnologia The Verge ha scelto i migliori videogiochi usciti quest’anno: è una lista sempre istruttiva anche se non siete degli appassionati, anche solo per farsi un’idea una volta all’anno di cosa succede nell’industria videoludica, come scrivono negli articoli seri. Ci sono i titoli che sono arrivati a moltissimi almeno per sentito dire, come Red Dead Redemption 2 Spider-Man. Ma The Verge ne sceglie sempre diversi anche tra quelli indipendenti, in cui la parte estetica e artistica ha molta più importanza di quella della giocabilità, oppure tra quelli che a vederli assomigliano a giochi di vent’anni fa, ma alle cui sceneggiature è stato dedicato un impegno da film di Hollywood. Ce ne sono poi alcuni, in mezzo, che si tengono dentro un po’ di tutte queste cose.

Beat Saber
VR (29,99 € sullo store di PlayStation)

È un gioco a cui si può giocare con un visore per la realtà virtuale – dall’Oculus Rift a quello di PlayStation a quello di HTC – e che è una via di mezzo tra un combattimento di Star Wars e Guitar Hero, il popolare videogioco in cui bisogna suonare le canzoni su una specie di chitarra. Lo scopo di Beat Saber infatti è suonare l’accompagnamento ritmico di alcune famose canzoni pop distruggendo dei blocchi colorati con delle spade laser: se niente di quello che avete letto vi sembra avere senso, è più facile a vedersi che a spiegarsi. È molto coinvolgente, scrive The Verge, e fa sudare come nessun altro videogioco uscito quest’anno.

Celeste
Tutte le console (19,99 € sui vari store)

È un videogioco a piattaforme – cioè come i vecchi Super Mario, in cui si procede in un ambiente bidimensionale a più livelli – con una grafica anni Ottanta, uscito per tutte le console. La storia ruota attorno a una ragazza che soffre di ansia e depressione, ma che decide di scalare una montagna canadese per mettersi alla prova: il risultato è un avventura un po’ sovrannaturale nella quale si trova a confrontarsi con la parte peggiore di sé. La grafica retrò e la colonna sonora sono «meravigliosi», secondo The Verge, che definisce la storia «potente».

Dead Cells
Tutte le console (24,99 € sui vari store)

Anche questo è un videogioco di quelli che guardano indietro, sia come grafica che come idea. Per descriverlo gli esperti usano due termini tecnici: metroidvania, cioè ispirato alle meccaniche di gioco di Metroid e Castlevania, due storici videogiochi degli anni Ottanta che si basavano su mappe interconnesse in cui il giocatore può muoversi abbastanza liberamente, sbloccandone dei pezzi man mano; roguelike, cioè un gioco simile a quelli di ruolo, con mappe e livelli generati casualmente e combattimenti a turni. Avrete capito che Dead Cells è un gioco che si fa apprezzare soprattutto da chi è piuttosto impallinato, ma secondo The Verge è difficile smettere di giocarci e riesce a ricordare i classici pur rimanendo originale.

Florence
iOs e Android (3,49 € su App Store, 2,99 € su Play Store)

È una storia interattiva per smartphone, dello stesso designer di Monument Valley, uno dei videogiochi per dispositivi mobili più popolari e apprezzati di sempre. Racconta la storia d’amore di una donna di 25 anni, raccontata in 20 capitoli, durante i quali al giocatore è richiesto di intervenire con piccole decisioni e rompicapi. Dura meno di due ore, ma è «dolce, sentimentale, e vi scioglierà il cuore».

God of War
Ps4 (29,95 € su Amazon)

È l’ultimo capitolo di una popolare serie di giochi d’avventura, tradizionalmente ambientata nel mondo della mitologia greca ma trasferita questa volta nella mitologia nordica. Racconta la storia del dio della guerra e di suo figlio, e del loro viaggio attraverso i vari regni tenuti assieme dall’Albero del Mondo della cosmologia vichinga. Insieme, devono raggiungere la cima di un monte dove spargere le ceneri della madre appena morta. In mezzo ci sono serpenti giganti, mostri di ogni tipo, spiriti, valchirie, draghi e molte altre creature, perlopiù da prendere a randellate con un’ascia o con delle lame incatenate. Ha una grafica incredibile, un sistema di combattimento molto divertente e una storia sceneggiata con grande cura, «una delle più convincenti dell’anno» secondo The Verge.

Gris
Nintendo Switch e PC (16,99 € sullo store Nintendo)

È uscito da pochi giorni, ci si gioca solo per qualche ora e si basa su una trama semplice: riportare il colore in una landa desolata. In realtà al centro del gioco c’è il viaggio interiore della ragazza protagonista, disegnato e colorato come un grande film di animazione. Si basa sull’esplorazione e sulla risoluzione di test di abilità senza rischi (non si può morire, cioè).

Into the Breach
PC, Mac, Linux (14,99 € su Steam)

È un videogioco strategico in cui bisogna controllare dei robottoni e usarli per uccidere dei mostri giganti. Si fa con un sistema di combattimento a turni, e un meccanismo che mostra in anticipo le mosse degli avversari: ma è molto complicato, soprattutto all’inizio. Assomiglia agli scacchi, scrive The Verge, «ma coi carri armati e le bestie giganti».

Monster Hunter: World
PS4, Xbox One, PC (35,99 € su Amazon)

Il titolo riassume abbastanza la trama: bisogna cacciare mostri, per ucciderli o per catturarli. È l’ultimo capitolo di una serie cominciata nel 2004, che fino ai capitoli precedenti faceva titoli dedicati quasi solo allo zoccolo duro di fan, non allineati con tutto quello che stava cambiando nel mondo dei videogiochi. Le cose sono cambiate, secondo The Verge, e la casa produttrice CapCom ha lavorato a un gioco con una sensibilità più moderna, sviluppando tra le altre cose un mondo di gioco molto vasto.

Pokémon: Let’s Go!
Nintendo Switch (54 € su Amazon)

Come scrive The Verge, c’erano un sacco di cose che potevano andare storte in un gioco che avrebbe dovuto essere una versione più tradizionale di Pokémon Go, il gioco per smartphone che per un’estate cambiò effettivamente il modo in cui le persone di mezzo mondo camminavano per strada. Invece, il gioco è riuscito a prendere «il meglio dai due mondi, ed è forse il miglior punto di ingresso per i nuovi giocatori».

Red Dead Redemption 2
Ps4, Xbox One (69,99 € su Amazon)

È probabile che ne abbiate sentito parlare, se avete avuto una connessione a internet nelle ultime settimane. È uno di quei giochi di cui i più importanti giornali del mondo scrivono che cambierà il modo di fare i giochi, che definirà una generazione, che è una «esperienza visuale» tra le migliori degli ultimi anni. Vecchio west, cavalli, pistole, ma soprattutto muoversi liberamente in un mondo estremamente vario e realistico che vuole interagire in molti modi con il giocatore. A volte sembra che non voglia farlo divertire, scrive The Verge, perché è lento e ha delle meccaniche di gioco poco spiegate: ma è solo un’impressione, «ha una profondità e una complessità come nessun altro mondo virtuale visto finora».

Return of the Obra Dinn
Mac, PC (16,79 € su Steam)

È una di quelle che vengono chiamate “avventure grafiche”, ambientata su una nave fantasma dell’Ottocento. Lo scopo è capire cosa ha ucciso i membri dell’equipaggio, attraverso gli indizi e gli enigmi che si scoprono esplorando la nave. The Verge consiglia di usare un taccuino, mentre si gioca.

Spider-Man
Ps4 (39,95 € su Amazon)

La trama la immaginate da soli. È stato uno dei videogiochi sui supereroi più apprezzati degli ultimi tempi, ed è ambientato in una New York molto realistica ed enorme, che si può esplorare liberamente muovendosi tra i grattacieli. Ed è davvero divertente farlo, scrive The Verge, a differenza di molti giochi a mondo aperto.

Super Smash Bros. Ultimate
Nintendo Switch (59 € su Amazon)

L’ultimo capitolo della fortunata serie di Nintendo in cui, sostanzialmente, i personaggi più famosi della casa giapponese si prendono a mazzate. Ci sono quelli di Super Mario Bros., di Zelda, di Star Fox, dei Pokémon, di Pac-Man e molti altri mondi Nintendo, ciascuno con le sue abilità speciali. Questo capitolo ha migliorato il precedente sotto un sacco di punti di vista, scrive The Verge.

Tetris Effect
Ps4 (46 € su Amazon)

A Tetris ci hanno giocato più o meno tutti negli ultimi trent’anni, ma non si può dire che abbia conosciuto grandi evoluzioni. Secondo The Verge, le cose sono cambiate con Tetris Effect, che «aggiunge livelli belli e sorprendenti di musica, visuals e storie al gioco». Ed è ancora meglio in realtà virtuale, dice il sito.

Yakuza 6
Ps4 (29,99 € su Amazon)

È il sesto capitolo di una saga giapponese sulla mafia, giapponese. C’è una riproduzione di Tokyo molto accurata, una sceneggiatura notevole e spiazzante, e un sistema di combattimento coinvolgente, scrive The Verge, e rispetto ai precedenti aggiunge un livello di complessità emotiva: il protagonista ha un bambino a cui badare. Però devono piacervi parecchio i giochi in cui si fa a cazzotti.

Mostra commenti ( )