• Internet
  • Questo articolo ha più di quattro anni

Tutte le feste di dicembre nel mondo, nel doodle di Google

Quest'anno Google non fa solo gli auguri di Buon Natale ma anche di buoni Hanukkah, Dongzhi e Soyal

“Le feste di dicembre nel mondo” è il nome del tradizionale doodle di Google per Natale, che quest’anno è dedicato a tutte le feste che si celebrano a dicembre, dall’Hannukah ebraica all’iraniana Yalda. Negli ultimi tempi i doodle inizialmente dedicati al Natale sono diventati meno connotati e più neutri, per rivolgersi a più persone possibili, al di là delle culture e delle religioni.

Questa concentrazione di feste a fine dicembre non è casuale: è da secoli che molte occorrenze religiose si celebrano nello stesso periodo. Negli stessi Vangeli non ci sono riferimenti alla data di nascita di Gesù e si pensa che la data del 25 dicembre sia stata scelta per coincidere con una festività romana che cadeva nel solstizio d’inverno: quella del Dies Natalis Solis Invicti, in onore della nascita di Mitra, la divinità romana legata alla luce.

I doodle degli anni scorsi

Anche nelle altre religioni e culture sono molte le feste legate proprio al solstizio d’inverno. L’ebraismo festeggia la Hanukkah (o Chanukkah), conosciuta anche con il nome di Festa delle Luci, che dura otto giorni e la cui data può variare nel corso degli anni (quest’anno è stata dal 2 al 10 dicembre).

In Cina c’è la festa di Dongzhi che quest’anno è stata il 22 dicembre, e mentre il 21 dicembre i nativi americani Hopi e Zuni festeggiano il Soyal, che segna l’arrivo dell’inverno. Sempre il 21 dicembre in Iran c’è stata la festa di Yalda, che deriva dal culto di Mitra e che si celebra in famiglia aspettando il sorgere del sole e mangiando frutti rossi, simbolo di prosperità.

Anche per una festa recente come quella del Kwanzaa, nata nel 1966, si scelse il mese di dicembre: fu d inventata Maulana Karenga, uno dei leader del movimento per i diritti degli afroamericani negli Stati Uniti, dura sette giorni, dal 26 dicembre fino al primo gennaio, e vuole avvicinare le comunità afroamericane alle radici culturali del continente africano.