• Cultura
  • mercoledì 19 dicembre 2018

I giovani visti dai fotografi di Magnum

Le foto di Abbas, Olivia Arthur, Werner Bischof, Antoine d’Agata, Alex Majoli, Martin Parr e Alessandra Sanguinetti, tra gli altri, in mostra a La Spezia

Fino al 3 marzo 2019 la Fondazione Carispezia di La Spezia ospiterà la mostra Un mondo giovane. Le nuove generazioni nello sguardo dei fotografi Magnum che raccoglie undici diverse storie che altrettanti fotografi della celebre agenzia Magnum Photos hanno raccontato negli anni intorno al tema della gioventù. La mostra è curata da Alessandra Mauro e i fotografi esposti sono Abbas, Olivia Arthur, Bruno Barbey, Werner Bischof, Antoine d’Agata, Alex Majoli, Lorenzo Meloni, Wayne Miller, Martin Parr, Alessandra Sanguinetti e Dennis Stock.

Di Werner Bischof ci sono le foto del viaggio in India e Giappone del 1952, sulla vita di tre ragazzi nel dopoguerra; di Wayne Miller le foto dei suoi figli adolescenti negli anni del cosiddetto “baby boom” americano. Di Alessandra Sanguinetti invece le immagini del progetto a lungo termine iniziato nel 1999 su Guille e Belinda, due cugine argentine. E poi, come spiega la presentazione della mostra, i giovani «nella comunità hippy della California ritratti da Dennis Stock; nelle immagini del Sessantotto parigino di Bruno Barbey; attratti da una religiosità a volte estrema di Abbas. Spesso oggi la compagna di avventure delle nuove generazioni è l’incertezza: del lavoro precario (i call center di Martin Parr); delle guerre (la guerra in Siria di Lorenzo Meloni); del riscatto nell’emigrazione (l’installazione di Antoine d’Agata); di un’identità frammentata da recuperare (il lavoro di Olivia Arthur sulle donne di Jeddah) o infine, l’incertezza di vivere sotto la minaccia di possibili attacchi terroristici (Alex Majoli e la serie sull’attentato al Bataclan di Parigi del 2015)».

L’8 e il 9 febbraio poi alcuni fotografi incontreranno il pubblico per letture portfolio e incontri sulla fotografia e la storia dell’agenzia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.