• Italia
  • martedì 11 dicembre 2018

Il tribunale del riesame di Sassari ha ordinato la scarcerazione di cinque pakistani accusati di far parte di una cellula di al Qaida

Erano stati arrestati nel 2015, la carcercazione preventiva era già stata prorogata una volta

Il tribunale del riesame di Sassari ha ordinato la scarcerazione di cinque uomini pakistani in carcere dall’aprile del 2015 con l’accusa di far parte di una cellula di al Qaida in Sardegna. Erano stati arrestati insieme ad altre quattro persone il 24 aprile del 2015 in seguito a un’operazione di antiterrorismo condotta dalla Digos, secondo cui ad Olbia operava una cellula dell’organizzazione terroristica. I cinque sono l’imam della moschea di Zingonia, in provincia di Bergamo, Hafiz Muhammad Zulkifal, Sultan Wali Khan, titolare di un negozio di bigiotteria ad Olbia che secondo la Digos faceva da base al gruppo, Ridi Yahia Khan, Imitias Khan e Syar Khan.

Il processo a loro carico va avanti dal 2016 e lo scorso ottobre la corte d’Assise di Sassari aveva prorogato di altri sei mesi la carcerazione preventiva nei loro confronti, dopo che era arrivata al termine massimo di tre anni. Gli avvocati difensori dei cinque avevano fatto ricorso al tribunale del riesame di Sassari, che il 10 dicembre ha accolto la loro richiesta e ha disposto per ciascuno degli imputati l’obbligo di dimora nei rispettivi luoghi di domicilio.

(ANSA/ GIAN MARIO SIAS)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.