• blog
  • domenica 9 dicembre 2018

A pensar male

Il Post si scusa per non essere stato ancora più prudente del solito

Incolliamo questa conversazione tra Luca Sofri e Stefano Vizio del Post, che da sabato aveva seguito con maggiore attenzione le notizie da Corinaldo, per condividere coi lettori del Post l’impressionante e puntuale fondatezza dei sospetti di sciatteria, precipitazione e imprudenza nella diffusione delle informazioni e delle accuse: anche quando per qualche ora ci si convince di avere esagerato, con quei sospetti.

E così, per tutto il giorno siamo rimasti – e moltissimi lettori rimarranno ancora – con l’idea di questi delinquenti che avevano venduto il triplo dei biglietti consentiti, diffusa da investigatori, prime pagine e presidenti del consiglio. E, dannazione, pure dal Post (e non è la prima volta che ci capita, di non essere abbastanza diffidenti, dannazione). Fino a metà pomeriggio. Ci dispiace.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.