La modella Lily-Rose Depp, la giornalista di moda Carine Roitfeld, la regista Sofia Coppola e le attrici Marion Cotillard in prima fila alla sfilata di Chanel al Met di New York, 4 dicembre 2018 (Evan Agostini/Invision/AP)
  • Moda
  • mercoledì 5 dicembre 2018

La sfilata di Chanel al Met di New York

In un tempio dell'Antico Egitto, tra molto oro, geroglifici, fiori di loto e celebrità in prima fila, da Julianne Moore a Marion Cotillard

La modella Lily-Rose Depp, la giornalista di moda Carine Roitfeld, la regista Sofia Coppola e le attrici Marion Cotillard in prima fila alla sfilata di Chanel al Met di New York, 4 dicembre 2018 (Evan Agostini/Invision/AP)

Chanel ha presentato al Metropolitan Museum of Art di New York – detto anche Met – la sua annuale Métiers d’art, una collezione itinerante dedicata ai laboratori artigianali che fanno parte di Paraffection: è l’azienda sussidiaria che Chanel aprì nel 1997 per promuovere il raffinato lavoro degli artigiani francesi con cui collabora. Le modelle hanno sfilato nel Tempio di Dendur, costruito nell’Antico Egitto attorno al 15 a.C. ed esposto al Met dal 1978, coerentemente con la convinzione del direttore creativo Karl Lagerfeld che «niente è più moderno dell’antico».

La collezione era ispirata all’Antico Egitto, con molto oro, spalle appuntite, copricapi alti e rotondi, ma era anche ricca di riferimenti e richiami all’arte moderna e a come si intreccia con quella del passato: gli scarabei e le invenzioni dell’architetto italiano Ettore Sottsass; l’antica città di Menfi e il movimento postmoderno del gruppo Memphis di cui Sottsass fu promotore; geroglifici, camelie e fiori di loto ricamati e intarsiati su giacche, gonne plissettate, cinturone, e infine stivali incrostati di perle.

Come al solito la sfilata è stata scenografica e con molti personaggi famosi tra gli ospiti, tra cui le attrici Penelope Cruz, Julianne Moore e Marion Cotillard, la modella Lily-Rose Depp, la regista Sofia Coppola. Come accaduto all’ultima sfilata di Chanel, quella della collezione per la primavera/estate 2019 presentata a ottobre a Parigi, Lagerfeld si è fatto vedere in passerella insieme al nipote e a Virginie Viard, direttrice dello studio di Chanel, suo braccio destro e considerata la persona che prenderà probabilmente il suo posto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.