Il bambino che ha guadagnato 22 milioni di dollari in un anno di YouTube

Si chiama Ryan e il suo canale di recensioni di giocattoli ha 17 milioni di iscritti

Uno screenshot di un video del canale Ryan ToysReview

Ryan, un bambino statunitense di sette anni, è primo nella classifica degli youtuber che hanno ricavato di più dalla loro attività nel 2018 (gli youtuber sono le persone che di lavoro pubblicano video su YouTube). Forbes ha stimato che nel giro di un anno, dal giugno 2017 a quello successivo, i ricavi del suo canale Youtube, “Ryan ToysReview“, hanno raggiunto i 22 milioni di dollari (poco più di 19 milioni di euro), calcolati senza detrarre le tasse e le spese. Attualmente il canale ha 17 milioni e 317mila iscritti, mentre i suoi video sono stati visti complessivamente 26 miliardi di volte dal 2015, l’anno in cui il canale è stato aperto dai suoi genitori. Essendo Ryan ancora un bambino, il 15 per cento dei ricavi del suo canale Youtube vengono depositati in un conto protetto fino a quando non sarà maggiorenne.

Nei video di “Ryan ToysReview” c’è Ryan, appunto, che prima scarta e poi gioca con vari tipi di giocattoli, li prova e fa vedere come funzionano, spesso insieme alla mamma o al papà. Sul canale viene caricato un video al giorno, ma non ci sono soltanto “recensioni” di giocattoli, ci sono anche cartoni animati per bambini, nei quali Ryan è uno dei protagonisti. Ci sono poi video educativi, sempre rivolti ai bambini della sua età, in cui si spiega a cosa serve la tuta spaziale degli astronauti, oppure in cui si fanno esperimenti scientifici per bambini. In uno di questi video, in cui si mostra il classico esperimento con l’aceto e il bicarbonato di sodio, il co-protagonista di Ryan è il giocatore NBA Kevin Durant.

Secondo Forbes la quasi totalità dei 22 milioni ricavati sono dovuti alla pubblicità che si vede prima dell’inizio del video, i cosiddetti “pre-roll”, mentre dai video sponsorizzati (quelli sovvenzionati da aziende) arriva solamente un milione di dollari. È una quota bassa rispetto a quella guadagnata dagli altri youtuber presenti nella classifica, tra i quali ce ne sono di famosi e affermati come Logan Paul e i Dude Perfect (quelli che hanno ottenuto una certa popolarità centrando un canestro dal tetto di un grattacielo). I motivi, secondo Forbes, sono due: da una parte la famiglia di Ryan preferisce non accettare una grande quantità di richieste di sponsorizzazione, dall’altra il settore di riferimento di Ryan non è molto remunerativo rispetto a quelli di altri youtuber.

Le fonti di ricavo del canale “Ryan ToysReview”, comunque, si stanno già diversificando: ad agosto è stata introdotta una linea di giocattoli legata a Ryan (il cui cognome non è noto), chiamata “Ryan’s World“, venduta esclusivamente dalla grande catena di supermercati statunitensi Walmart.

Mostra commenti ( )