Gli spari sui braccianti di Avola, 50 anni fa

Il 2 dicembre 1968, durante uno sciopero agricolo in Sicilia, la polizia sparò ad altezza d'uomo sulla folla uccidendo due persone

(Ansa)

Il 2 dicembre 1968, cinquant’anni fa, il governo del futuro presidente della Repubblica Giovanni Leone stava per cadere, e stava per tornare al potere la corrente cosiddetta “dorotea” della Democrazia Cristiana, con Mariano Rumor, che avrebbe di nuovo spostato verso il centrosinistra gli equilibri del partito. Ma l’Italia arrivava da una stagione di intense proteste studentesche, che sarebbe stata seguita l’anno successivo dal culmine delle lotte operaie e dal famoso “autunno caldo” delle proteste sindacali. Quel giorno ad Avola, in Sicilia, fu organizzato un grande sciopero generale, in sostegno delle rivendicazioni dei braccianti agricoli: alla fine di quella giornata, due manifestanti sarebbero morti, uccisi dalla polizia.

La battaglia sindacale dei braccianti di Avola e della provincia di Siracusa era cominciata una settimana prima: chiedevano di aumentare la paga giornaliera, eliminare le gabbie salariali (cioè quei meccanismi per cui la paga per lo stesso lavoro viene modificata e proporzionata in base ad altri parametri, come il costo della vita) e introdurre una commissione che controllasse il trattamento dei braccianti. Dopo diversi giorni di sciopero e blocchi stradali, il sindaco socialista di Avola provò a mediare con il prefetto perché venissero organizzate delle trattative sindacali, a cui però i braccianti non parteciparono polemicamente.

Il 2 dicembre venne così indetto lo sciopero generale, e i braccianti occuparono la statale per Noto fin dalla notte. Nel primo pomeriggio arrivarono sul posto furgoni e camionette della celere, il reparto della polizia che si occupa di ordine pubblico, che al rifiuto dei manifestanti di sgomberare la strada cominciò a lanciare lacrimogeni. Ma il vento spinse il gas verso gli agenti, mentre i manifestanti iniziarono a lanciare sui poliziotti e sulla strada i sassi raccolti dai muretti lungo la strada. A quel punto la polizia cominciò a sparare a ripetizione ad altezza d’uomo: Giuseppe Scibilia, 47 anni, e Angelo Sigona, 25 anni, furono uccisi. Altri dieci vennero feriti gravemente. Secondo le testimonianze, furono raccolti due chili e mezzo di bossoli, portati il giorno successivo alla Camera dal deputato comunista siciliano Nino Piscitello.

Una manifestazione successiva ai fatti di Avola. (Ansa)

Per il giorno successivo venne dichiarato uno sciopero dei braccianti in tutta Italia, mentre già la sera del giorno della sparatoria il Partito Comunista e quello Socialista fecero grandi pressioni sulla DC, tanto che nella notte il ministro dell’Interno Franco Restivo convocò braccianti e sindacalisti per firmare un contratto collettivo che accogliesse le loro richieste. I fatti di Avola generarono proteste e scioperi in tutta Italia, e portarono in molti a chiedere allo Stato di disarmare la polizia durante le proteste operaie. Scibilia e Sigona furono gli ultimi due operai uccisi dalla polizia durante un conflitto sindacale.

TAG:
Mostra commenti ( )