(AP Photo/Leslie Mazoch)
  • sabato 1 dicembre 2018

Un regalo di Natale al giorno: – 24

Uno zaino leggerissimo da mettere dentro lo zaino pesantissimo: chi viaggia con lo zainone sa perché

(AP Photo/Leslie Mazoch)

Ci sono quelli che ogni gennaio aprono un documento Excel, su cui annotano diligentemente quale regalo fare ad ogni amico e parente per il Natale successivo.
A ottobre li comprano.

E poi ci sono quelli che il pomeriggio del 24 dicembre, nel panico delle ultime ore, si trovano in un negozio pieno di gente a comprare i soliti calzini. Puntualmente, negli istanti prima di essere travolti da una famiglia con nonni e carrelli al seguito, si maledicono e si promettono: «L’anno prossimo i regali li compro in anticipo, su internet». Puntualmente, si ritrovano il 24 dicembre dell’anno dopo a essere travolti dalla stessa famiglia, che nel frattempo ha un figlio in più.

Visto che i primi sono supereroi e i supereroi se la cavano benissimo da soli, e visto che quelli della seconda categoria – gli umani, insomma – sono la grande maggioranza, il Post ha pensato a un piano di compromesso per cercare di salvarli.

Un regalo di Natale al giorno: per un mese, fino al 24 dicembre, vi suggeriamo un oggetto che si possa acquistare facilmente online e senza aspettare troppo. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se può funzionare per qualcuno che conoscete, cliccate, comprate, e risolto. Se no, riproviamo il giorno dopo: non chiuderà la pratica-regali, ma speriamo di aiutarvi a smaltirne una parte. E se nel frattempo imbarchiamo qualcuno della mozione Flanagin, anche meglio.

***

Molti redattori del Post sono giovani, o avventurosi, o giovani e avventurosi, quindi a molti di loro è capitato di fare un viaggio di quelli con lo “zainone”, molte tappe, e mezzi di trasporto di un’efficienza e comodità un po’ diversa da quelle dell’alta velocità giapponese. Quello che succede in questo tipo di viaggi è che si arriva alla nuova tappa, si lascia lo zainone dove si dormirà e poi si fa un giro della città, o del posto. Durante il giro però spesso serve portarsi dietro delle cose: una felpa, la guida, le borracce, i documenti, la crema solare, delle scarpe di ricambio. Tutto questo in genere viene tenuto in un secondo zaino, più piccolo, che nei tratti di spostamento si porta goffamente sul davanti (come un brutto marsupio) perché non entra in quello più grosso.

Una redattrice che malsopporta l’effetto-marsupiale ha parlato molto bene dello zainetto Flywight di North Face. È uno zaino da 17 litri (vuol dire medio-piccolo, in zainese: le misure sono 40 x 26 x 17 cm), nella parte interna ha una tasca principale e un taschino, all’esterno ha una tasca frontale e due laterali (di quelle per metterci le borracce). Pesa 170 grammi (!), è di un tessuto in nylon molto sottile, leggero e super resistente. Le caratteristiche che lo rendono un oggetto molto comodo per i viaggiatori, oltre alla leggerezza, sono due: la prima è che quando non lo si sta usando, lo si può ripiegare completamente, fino a farlo diventare piccolo come la tasca in cui si richiudono i K-Way.

La seconda è che contrariamente agli altri zaini che si ripiegano, il Flyweight ha gli spallacci imbottiti, quindi lo si può caricare serenamente anche con cose pesanti: non è fastidioso sulle spalle e regge bene. Quando poi è il momento di partire per la prossima tappa, lo chiude e lo si infila in una tasca dello zaino più grande e ci si muove agilmente con uno zaino solo.

Sul sito ufficiale di North Face costa 45 euro, su Amazon costa 32 euro in nero e 42 in blu elettrico.

Se questo non ti piace, hai guardato queste liste?

Regali a meno di 20 euro
Regali tra i 20 e i 60 euro
Regali tra i 60 e i 100 euro

Altrimenti ci sono i regali che vi abbiamo consigliato a novembre, e quelli dell’anno scorso.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.