I giocatori della Juventus dopo il gol segnato da Cristiano Ronaldo nell'ultimo turno di Champions League contro il Manchester United (LaPresse/Fabio Ferrari)
  • Sport
  • martedì 27 novembre 2018

La Juventus si qualifica agli ottavi di Champions League se

Le basta un pareggio contro il Valencia, indipendentemente dal risultato del Manchester United

I giocatori della Juventus dopo il gol segnato da Cristiano Ronaldo nell'ultimo turno di Champions League contro il Manchester United (LaPresse/Fabio Ferrari)

La Juventus gioca questa sera alle ore 21 contro il Valencia la sua penultima partita nella fase a gironi di Champions League. Ci arriva da prima classificata del gruppo H dopo tre vittorie e una sconfitta in quattro partite. È la squadra italiana più vicina alla qualificazione: stasera le basterà un pareggio per ottenere matematicamente l’accesso agli ottavi di finale, anche se il Manchester United dovesse vincere contro lo Young Boys Berna (cosa abbastanza probabile).

La classifica del gruppo H:

1) ?? Juventus 9 (7:2)
2) ??????? Manchester United 7 (5:2)
3) ?? Valencia 5 (4:4)
4) ?? Young Boys 1 (2:10)

Il discorso cambia per la prima posizione. Per avere già stasera la certezza di qualificarsi agli ottavi di finale come prima classificata – cosa che le darebbe un bel vantaggio in vista dei sorteggi, dove sarebbe fra le teste di serie — questa sera la Juventus deve vincere e sperare in una sconfitta del Manchester United, che però è estremamente improbabile. In ogni caso la Juventus dovrà giocare l’ultima partita contro lo Young Boys, cosa che le dà un buon vantaggio per il primo posto.

Il regolamento UEFA prevede che in caso di pari merito le posizioni nei gironi siano ordinate secondo punti ottenuti, miglior differenza reti negli scontri diretti, maggior numero di gol segnati negli scontri diretti e maggior numero di gol segnati in trasferta (sempre negli scontri diretti). Se questi criteri non dovessero bastare, l’ordine verrebbe stabilito dalla miglior differenza reti o dal maggior numero di gol segnati in tutte le partite del girone.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.