• Mondo
  • mercoledì 21 novembre 2018

Il progetto per il nuovo grattacielo di Londra, a forma di tulipano

Lo chiamano "The Tulip", ma anche "il cotton fioc": lo ha presentato lo studio dell'architetto Norman Foster

Il 19 novembre lo studio dell’architetto Norman Foster e dei suoi associati ha presentato il progetto per un nuovo grattacielo di Londra, chiamato The Tulip, “Il Tulipano”. Il nome deriva dal fatto che il grattacielo avrà la forma di un tulipano non ancora sbocciato, ma su internet c’è anche chi ha proposto “cotton fioc” come nome alternativo. Non è ancora stato deciso se il Tulip sarà costruito, ma intanto sono state diffuse le immagini di come potrebbe essere. Tra le cose più caratteristiche ci sarebbero le cabine degli ascensori esterne trasparenti, da usare per spostarsi nei piani alti del grattacielo guardando il panorama.

Norman Foster è uno degli architetti più famosi al mondo e progettò, insieme al suo ex socio, il grattacielo londinese noto come Gherkin (“il cetriolo”), che è aperto dal 2004 e con le sue forme curve si fa decisamente notare. Il progetto per il Tulip è stato portato avanti insieme al Safra Group, un grande conglomerato industriale e finanziario che già controlla il Gherkin. Lo studio di Foster e il Safra Group si stanno muovendo per ottenere i permessi per iniziare i lavori nel 2020, con l’obiettivo di inaugurare il grattacielo nel 2025. Non sono ancora noti i costi e non sono state diffuse informazioni su chi saranno i finanziatori del progetto. Se dovesse essere realizzato, il Tulip arriverebbe a un’altezza di 305 metri, poco meno dello Shard: il più alto edificio di Londra, progettato da Renzo Piano.

All’interno dei piani alti sono previsti ristoranti, piattaforme panoramiche e, scrive il New York Times, «uno scivolo in vetro per passare da un livello all’altro». È anche prevista la realizzazione di una mostra interattiva sulla storia di Londra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.