• Mondo
  • mercoledì 7 novembre 2018

Le Filippine 5 anni dopo il tifone Haiyan, in foto

Ted Aljibe di AFP ha fotografato gli stessi posti del 2013 per raccontare come vanno i lavori di ricostruzione

Tacloban, Filippine, il 5 novembre del 2013 e poi il 5 novembre del 2018 (TED ALJIBE/AFP

Il 3 novembre del 2013 il tifone Haiyan arrivò nelle Filippine, provocando la morte di almeno 6.300 persone e danni difficili da calcolare ma che hanno richiesto 5,8 miliardi di dollari (più di 5 miliardi di euro) soltanto nella ricostruzione. È il tifone che ha fatto più morti nella storia del Paese: soltanto a Tacloban, la città più colpita, furono 4.000, anche a causa delle lentezza e delle difficoltà dei soccorsi che non fecero in tempo a estrarre dalle macerie i feriti.

Sono passati cinque anni da allora e la situazione sembra tornata lentamente alla normalità: le navi finite sulla costa sono state spostate, case, strade ed edifici sono stati ricostruiti, al posto degli alberi abbattuti ne sono stati piantati altri. Molte persone rimaste senza casa si sono viste riassegnare un nuovo posto dove vivere: a Tacloban, per esempio, 15mila tra le famiglie più povere sono state spostate dalle aree con più danni, molte però vivono ancora in case danneggiate. La maggior parte delle persone convive ancora con i traumi di quei giorni, con la paura che possano ritornare e con il dolore per le persone che hanno perso. Il giornalista Ted Aljibe di Agence France-Presse (AFP) è tornato negli stessi posti che aveva fotografato il 5 novembre del 2013 per mostrare concretamente cosa è cambiato in cinque anni e come sta andando la ricostruzione.

(Attenzione, alcune immagini sono piuttosto forti)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.