• Italia
  • giovedì 1 novembre 2018

Perché oggi si festeggia Ognissanti

E cos'è, questa festa di Ognissanti: c'entra un'antica celebrazione per i martiri, e forse l'antenata di Halloween

(Hulton Archive/Getty Images)

La Chiesa cattolica celebra oggi la festa di Ognissanti, o Tutti i Santi, ricordando tutte le persone che secondo la Chiesa hanno dimostrato di avere una natura divina, per indole o comportamenti: in una parola, i santi.

La festa è nata probabilmente nei primi secoli di vita della Chiesa per ricordare i martiri, cioè le persone che hanno testimoniato la fede cattolica nonostante violenze e persecuzioni (in greco antico, màrtus significa “testimone”). Il primo Papa che indicò una festività per celebrare i martiri fu Bonifacio IV, che il 13 maggio 610 dedicò il Pantheon di Roma e quella giornata alle persone morte come martiri nei secoli precedenti. Due secoli dopo, Gregorio IV spostò la festività all’1 novembre includendo nelle celebrazioni anche i santi.

Non è chiaro perché Gregorio IV scelse proprio l’1 novembre; secondo alcuni fu fissata in quella data per cercare una continuità con una serie di feste pagane che cadevano in quel periodo fra cui lo Samhain, la festa celtica che celebra la fine dell’estate che potrebbe aver dato origine ad Halloween.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.