• Mondo
  • mercoledì 31 ottobre 2018

La Cina ha parzialmente cancellato il divieto di commerciare in prodotti legati alla caccia di tigri e rinoceronti

La Cina ha parzialmente cancellato il divieto di commerciare in prodotti legati alla caccia di tigri e rinoceronti, dicendo che lo permetterà in “circostanze speciali” legate a ricerca scientifica o medica. La notizia è stata diffusa lunedì con una nota del governo cinese, che non parla di cambiamenti della legge del 1993 che aveva istituito il divieto ma solo di alcune eccezioni al divieto stesso. Le unghia di tigre e le corna di rinoceronte sono usate nella medicina tradizionale cinese, nonostante non ci siano prove scientifiche della loro efficacia medica. Il governo ha detto che il commercio di prodotti legati a tigri e rinoceronti sarà strettamente sorvegliato e che sarà permesso vendere e comprare solo prodotti derivanti dall’uccisione di animali allevati.

Due tigri del Bengala nel parco nazionale indiano di Ranthambhore. A causa del bracconaggio, sono rimasti meno di 4000 esemplari in libertà (© Sudhir Shivaram/Photographers against wildlife crime™)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.