Rapallo, 30 ottobre (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • martedì 30 ottobre 2018

La distruzione del porto di Rapallo

Una violenta mareggiata ha fatto crollare la diga che proteggeva le barche ormeggiate, tantissime sono state distrutte

Rapallo, 30 ottobre (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Il porto di Rapallo, in Liguria, è stato completamente distrutto da una violenta mareggiata nella notte tra lunedì e martedì. Le onde – che in certi momenti erano alte quasi 10 metri – hanno fatto parzialmente crollare la diga che proteggeva i moli del porto e delle quasi 400 imbarcazioni che ospitava, la metà sono state danneggiate o distrutte. Ci sono stati gravi danni anche su tutto il lungomare e nel comune vicino di Santa Margherita.

La diga che proteggeva il porto di Rapallo, in Liguria, e che è parzialmente crollata lunedì notte (Google Maps/Il Post)

Già lunedì pomeriggio, per il peggiorare del tempo, era stata diffusa un’allerta rossa ed era stato sconsigliato a tutti di uscire di casa per evitare situazioni di pericolo. Con la nottata, le condizioni meteorologiche sono però peggiorate su tutta la costa della Liguria e a Rapallo ci sono stati i danni più gravi. Il sindaco Carlo Bagnasco ha parlato di «danni enormi» e ha pubblicato online diversi video che mostrano la situazione dopo la mareggiata di questa notte. Circa 300 metri della diga di sassi e cemento che proteggeva il porto sono crollati, lasciando centinaia di barche esposte alle onde, al vento e ai detriti trasportati dal mare. Nel porto di Rapallo – intitolato al grande progettista di barche Carlo Riva – erano ormeggiate per la maggior parte barche a vela e piccoli motoscafi da diporto. Circa 20 persone che erano a bordo delle loro barche nel porto sono state soccorse dai Vigili del Fuoco dopo il crollo della diga.

Le condizioni del tempo sono state molto difficili in gran parte d’Italia e tra lunedì e martedì in tutto 11 persone sono morte a causa del cattivo tempo. Nonostante un piccolo miglioramento del tempo martedì, da mercoledì è previsto il ritorno della pioggia, soprattutto sul Nord Italia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.