• Cultura
  • mercoledì 3 Ottobre 2018

L’attrice cinese Fan Bingbing, scomparsa da mesi, è stata multata per evasione fiscale

L’attrice cinese Fan Bingbing – una delle più celebri attrici cinesi, famosa anche in Occidente e scomparsa da circa tre mesi – è stata multata per evasione fiscale e dovrà ora versare allo stato cinese circa 883 milioni di yuan, pari a 110 milioni di euro. Secondo l’ufficio provinciale del fisco della regione di Jiangsu, Fan aveva evaso circa 255 milioni yen, circa 32 milioni di euro. La sua sparizione potrebbe essere legata proprio a un problema con il fisco, dopo che a maggio un conduttore televisivo cinese l’aveva accusata di aver firmato due contratti diversi per un film: uno ufficiale, dalla cifra più piccola per pagare meno tasse, e uno nascosto, con la ben più alta cifra ricevuta.

Fan ha 37 anni e dopo essere diventata una celebrità in Cina, dal 2013 iniziò a farsi conoscere anche nel resto del mondo interpretando il personaggio di Blink nel settimo film della saga degli X-Men, X-Men – Giorni di un futuro passato. Nel 2017 ha fatto parte della giuria giuria del Festival di Cannes e nel 2018 ha avuto ruoli nello spy movie 355 con Penélope Cruz, Marion Cotillard e Lupita Nyong’o, e nel film di guerra Air Strike con Bruce Willis e Adrien Brody (entrambi devono ancora uscire in sala). La sua ultima apparizione ufficiale risale a inizio luglio ed è completamente assente anche dai social network, dov’è solitamente molto attiva. C’è chi pensa che le accuse di evasione siano state confezionate apposta per danneggiarla perché non è abbastanza vicina ai «valori sociali» del Partito Comunista Cinese; ma non è nemmeno chiaro se abbia semplicemente deciso di rendersi irreperibile o se sia trattenuta in Cina contro la sua volontà.

È sparita una delle attrici cinesi più famose al mondo

17 milioni di dollari Gareth Cattermole/Getty Images)