La produzione industriale è calata, ed è una sorpresa

A luglio è scesa dell'1,3 per cento, mentre ci si aspettava crescesse: è il primo calo dal 2016 e secondo gli esperti è un dato molto preoccupante

L’indice che misura la produzione industriale ha mostrato nel mese di luglio un inaspettato calo dell’1,3 per cento rispetto al luglio del 2017. Secondo gli economisti, l’indice avrebbe dovuto invece manifestare una crescita dell’1,4 per cento. Il calo rispetto a giugno è stato dell’1,8 per cento, molto superiore al calo dello 0,4 per cento atteso dagli esperti. Anche la Germania aveva mostrato un calo nella produzione industriale nel corso dell’estate.

Il dato è definito “pessimo” dagli esperti, e rischia di essere il primo indicatore di un peggioramento della situazione economica dell’Italia e forse degli altri paesi che usano l’euro come moneta. È il primo calo dell’indice della produttività dall’estate del 2016.

L’indice della produzione industriale è il frutto di un’indagine statistica condotta dall’ISTAT che interroga un campione rappresentativo di aziende italiane per misurare i volumi della loro produzione. Un calo nella produzione industriale significa quindi che la quantità di beni e servizi prodotti dalle aziende italiane si è ridotta. Il calo della produzione può segnalare l’arrivo di una recessione.

(AP Photo/Luca Bruno)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.