C’è stato un nuovo attacco informatico contro Rousseau, la piattaforma online del Movimento 5 Stelle

Tra giovedì e venerdì mattina, un profilo twitter associato a un noto hacker ha pubblicato una serie di dati sensibili sottratti a Rousseau, la piattaforma online del Movimento 5 Stelle. Tra gli altri, sono stati pubblicati i numeri di telefono personali di diversi dirigenti e ministri del partito. Ieri erano stati pubblicati nomi e dati di alcuni donatori del Movimento. Lo stesso pirata informatico aveva già violato la piattaforma Rousseau nell’agosto 2017.

Rousseau è utilizzato dal Movimento per svolgere online una serie di importanti aspetti della vita di partito, come la gestione degli iscritti e quella delle votazioni interne. Il sistema è da tempo criticato per la sua vulnerabilità agli attacchi informatici, per la sua inefficienza che produce errori e ritardi quando viene utilizzato da troppe persone contemporaneamente (come nel caso delle votazioni online). Il Movimento è obbligato da statuto ad utilizzare la piattaforma Rousseau che è gestita in esclusiva dall’Associazione Rousseau, controllata da Davide Casaleggio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.