Richard Wagner in una foto del 1880 circa (Edward Gooch/Edward Gooch/Getty Images)
  • Cultura
  • martedì 4 settembre 2018

La radio pubblica israeliana si è scusata per avere trasmesso Wagner

Il compositore tedesco continua a essere molto controverso tra gli israeliani per via del suo antisemitismo e perché era tra gli autori preferiti di Hitler

Richard Wagner in una foto del 1880 circa (Edward Gooch/Edward Gooch/Getty Images)

La radiotelevisione pubblica di Israele KAN si è scusata per avere trasmesso per radio alcune musiche di Richard Wagner, compositore tedesco del Diciannovesimo secolo poco gradito agli israeliani per le sue idee antisemite e per essere stato uno degli autori preferiti di Adolf Hitler. Il canale radiofonico di KAN dedicato alla musica classica aveva trasmesso venerdì scorso parte dell’opera “Il crepuscolo degli dei” (“Götterdämmerung”), l’ultimo dramma musicale che fa parte della tetralogia “L’anello del Nibelungo”, suscitando le proteste di diversi ascoltatori.

All’inizio della settimana KAN ha diffuso un comunicato per scusarsi della “scelta artistica” del curatore del programma radiofonico, annunciando che non ci saranno più trasmissioni dedicate alla musica di Wagner. Le scuse sono state indirizzate soprattutto verso i sopravvissuti all’Olocausto, per le sofferenze che potrebbe avere suscitato l’ascolto.

Le musiche di Wagner non sono vietate in Israele, ma c’è scarso interesse per le sue composizioni, ritenute contro il popolo ebraico. In effetti nelle sue opere ci sono diversi riferimenti al concetto di purezza della razza, senza contare che lo stesso Wagner scrisse un breve trattato sulla musica ebraica, arrivando alla conclusione che “gli ebrei” fossero “incapaci di esprimersi artisticamente”.

La versione di “Il crepuscolo degli dei” trasmessa da KAN era stata registrata nel 1991 durante il Festival di Bayreuth (Baviera, Germania), dedicato proprio alle opere e al lavoro di Richard Wagner. A dirigere l’orchestra in quell’occasione c’era Daniel Barenboim, tra i più grandi e importanti direttori d’orchestra viventi e di origini israeliane.

Le scuse della radiotelevisione pubblica israeliana non sono comunque piaciute a tutti, soprattutto agli estimatori israeliani di Wagner. Jonathan Livny, capo della Società wagneriana di Israele, ha detto: “Ci sono tanti sopravvissuti all’Olocausto che amano questa musica quanti ce ne sono di contrari. Dovremmo tutti ascoltare la sua musica, è assolutamente magnifica”. Il problema, dicono gli estimatori di Wagner, è che molti associano il compositore tedesco all’antisemitismo, senza avere di preciso idea di quali fossero le sue idee e soprattutto le sue attività artistiche. Altri faticano a separare l’opera artistica dalla persona, ritenendo che siano inscindibili.

Da tempo Barenboim cerca di far conoscere e accettare Wagner in Israele. Spiegando il problema a BBC, alcuni anni fa disse: “Sono certo che ci siano persone in Israele a favore di una sua messa al bando [di Wagner] perché pensano che fosse ancora in circolazione negli anni Quaranta”, ai tempi del nazismo; in realtà Wagner morì nel 1883, mentre Hitler nacque nel 1889.

Provare a suonare Wagner in Israele è comunque difficoltoso, e ogni tentativo non viene ben visto. Nel 2001 Barenboim mise in programma alcune musiche di Wagner come bis alla fine di un concerto. Al pubblico fu chiesto se fosse d’accordo prima di iniziare l’ascolto: circa il cinque per cento del pubblico decise di lasciare la sala.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.