(ANSA/ORIETTA SCARDINO)

Dalla Diciotti sono scesi soltanto i minori

La nave militare italiana con a bordo 150 migranti è ancora bloccata a Catania, per volere del ministro dell'Interno

(ANSA/ORIETTA SCARDINO)

Da due giorni la nave militare italiana Diciotti è bloccata nel porto di Catania. A bordo aveva 177 migranti, fino a ieri sera: poi, dopo una decisione annunciata dal ministro dell’Interno Matteo Salvini durante una diretta su Facebook, i 27 minori non accompagnati presenti a bordo sono stati fatti scendere e portati in strutture di accoglienza. Rimangono a bordo 150 persone. È la prima volta che una nave militare italiana si trova in una situazione del genere, giudicata paradossale da molti osservatori: nonostante sia gestita da personale militare italiano e abbia ricevuto l’autorizzazione ad attraccare dal ministro italiano dei Trasporti, Danilo Toninelli, non può sbarcare i propri passeggeri per volere del ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Secondo Salvini, il governo italiano vuole prima aspettare che altri stati europei si facciano carico di esaminare la richiesta di protezione internazionale dei migranti presenti a bordo. La Commissione Europea ha fatto sapere di essere al lavoro per trovare una soluzione. Nel frattempo i migranti rimangono a bordo di una nave che non è attrezzata per mantenerle a bordo e così a lungo. Intervistata da Radio Radicale, la portavoce di Save The Children Italia Giovanna di Benedetto ha spiegato: «Siamo molto preoccupati per le condizioni delle persone a bordo della Diciotti ormai da cinque giorni, un periodo lunghissimo per chi come loro è già fortemente provato. […] Sono persone allo stremo delle forze.»

Alcuni migranti a bordo della Diciotti pregano sul ponte della nave, 22 agosto 2018 (ANSA/ORIETTA SCARDINO)

Non è chiarissimo su quali basi Salvini possa bloccare un gruppo di persone a bordo di una nave militare italiana attraccata a un porto italiano: probabilmente ha a che fare con la garanzia dell’ordine pubblico. Il codice della navigazione italiano, per esempio, all’articolo 83 permette al ministro dei Trasporti di limitare o vietare il transito e la sosta di navi mercantili nel mare territoriale italiano per motivi di ordine pubblico, tra gli altri. Per questa ragione è probabile che l’equipaggio italiano a bordo possa sbarcare senza problemi, a differenza dei passeggeri.

Alcuni stanno contestando la decisione di Salvini con gli stessi argomenti con cui criticano le procedure seguite nei cosiddetti hotspot, cioè i centri (chiusi) di primissima accoglienza e identificazione dei migranti: per la legge italiana è possibile trattenere per sole 48 ore una persona senza che il provvedimento sia stato confermato da un giudice. Nel caso degli hotspot, passano spesso più di 48 ore prima che ai migranti sia concesso di uscire dal centro. Per quanto riguarda le persone a bordo della Diciotti, presto saranno state trattenute a bordo per più di 48 ore. Anche il presidente della Camera Roberto Fico ha lasciato intendere che debbano essere rilasciate il prima possibile, a meno di violare la legge italiana: «non possono essere più trattenute a bordo», ha scritto nel primo pomeriggio su Twitter.

Una manifestazione per far scendere i migranti bloccati sulla nave Diciotti, attraccata al porto di Catania, 22 agosto 2018
(Andrea Di Grazia/LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.