• Italia
  • lunedì 20 agosto 2018

La lettera di papa Francesco contro gli abusi sessuali compiuti da uomini di chiesa

È rivolta a tutti i cattolici del mondo ed è stata diffusa pochi giorni dopo il rapporto sugli abusi della Chiesa in Pennsylvania

Papa Francesco ha diffuso una lettera indirizzata a tutti i cattolici del mondo per condannare gli abusi sessuali commessi su minori da «chierici e persone consacrate». La lettera – chiamata «Lettera del Santo Padre Francesco al Popolo di Dio» – è stata pubblicata pochi giorni dopo la diffusione del rapporto di un gran giurì in Pennsylvania, Stati Uniti, nel quale si accusava la Chiesa cattolica di avere insabbiato abusi sessuali commessi da più di trecento preti nel corso di 70 anni. Nelle prime righe della lettera, papa Francesco scrive:

«Guardando al passato, non sarà mai abbastanza ciò che si fa per chiedere perdono e cercare di riparare il danno causato. Guardando al futuro, non sarà mai poco tutto ciò che si fa per dar vita a una cultura capace di evitare che tali situazioni non solo non si ripetano, ma non trovino spazio per essere coperte e perpetuarsi. Il dolore delle vittime e delle loro famiglie è anche il nostro dolore, perciò urge ribadire ancora una volta il nostro impegno per garantire la protezione dei minori e degli adulti in situazione di vulnerabilità»

Il Vaticano ha detto che è la prima volta che un papa si rivolge con una lettera a tutti i cattolici del mondo sul tema degli abusi sessuali, una questione molto sentita e da anni al centro di numerosi scandali. Tra pochi giorni papa Francesco farà un viaggio in Irlanda: il capo della chiesa cattolica irlandese, l’arcivescovo Eamon Martin, ha detto che si aspetta che, durante la sua visita a Dublino, papa Francesco incontri le vittime degli abusi sessuali compiuti da membri della Chiesa.

Papa Francesco (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.