• Italia
  • giovedì 16 agosto 2018

Conte dice che su Genova «non possiamo attendere i tempi della giustizia penale»

Parlando del ritiro delle concessioni autostradali, ha spiegato che il suo governo non intende aspettare le indagini della magistratura

(ANSA/FLAVIO LO SCALZO)

Al termine del Consiglio dei ministri tenuto a Genova per discutere del crollo del ponte Morandi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato ufficialmente che il governo intraprenderà la revoca delle concessioni autostradali attualmente possedute da Autostrade per l’Italia, la società controllata dalla famiglia Benetton responsabile per il tratto dell’A10 su cui si trova il ponte Morandi.

– Leggi anche: Cosa c’entrano le concessioni autostradali con il ponte Morandi?

Conte ha detto che il governo intende procedere senza attendere ulteriori accertamenti da parte della magistratura sul crollo del ponte, aggiungendo che:

«Non possiamo attendere i tempi della giustizia penale»

Seguite in diretta la conferenza stampa da Genova con i ministri Danilo Toninelli, Matteo Salvini e Marco Bussetti e il presidente Giuseppe Conte. Collegatevi ora!

Gepostet von Luigi Di Maio am Mittwoch, 15. August 2018

La rete autostradale è di proprietà statale, ma è affidata in concessione a privati ed enti locali. Quasi metà dell’intera rete, circa 3 mila chilometri, è affidata in concessione ad Autostrade per l’Italia, una società posseduta da Atlantia che è controllata dalla famiglia Benetton. La convenzione con lo Stato impone alla società di effettuare investimenti e mantenere in sicurezza la rete autostradale.

Quasi tutti i principali esponenti del governo hanno sostenuto negli ultimi giorni che bisogna procedere alla revoca delle concessioni per via delle responsabilità della società nel crollo. Autostrade per l’Italia ha risposto affermando di aver sempre svolto tutti i controlli richiesti dalla legge e di aver compiuto le opere di manutenzione necessarie. Se il governo dovesse revocare la concessione senza riuscire a dimostrare una “grave colpa” da parte della concessionaria, rischia di esporsi a una lunga battaglia legale e al pagamento di ingenti risarcimenti.

Atlantia, la società che controlla Autostrade per l’Italia, sta perdendo più del 20 per cento alla borsa di Milano. In un comunicato ha scritto che l’annuncio del governo «è stato effettuato in carenza di qualsiasi previa contestazione specifica alla concessionaria ed in assenza di accertamenti circa le effettive cause dell’accaduto» e ha ricordato che, in ogni caso, alla concessionaria spetta il valore residuo della concessione, cioè i guadagni attesi da oggi al 2038, la data di scadenza prevista dagli attuali accordi.

Cosa c’entrano le concessioni autostradali con il ponte Morandi?