(NICOLAS ASFOURI/AFP/Getty Images)

Google traccia la nostra posizione anche quando crediamo di impedirglielo

Associated Press ha scoperto che disattivare l'opzione della cronologia delle posizioni non basta: ce n'è un'altra, un po' nascosta

(NICOLAS ASFOURI/AFP/Getty Images)

Aggiornamento del 17 agosto: Google ha chiarito che registra la cronologia delle posizioni degli utenti anche quando deselezionano l’opzione.

Google ha chiarito che registra la cronologia delle posizioni degli utenti anche quando deselezionano l’opzione

***

Google registra i dati sulle posizioni degli utenti di diversi suoi servizi – sia su sistema operativo Android che iOS – anche quando questi utenti hanno esplicitamente deselezionato la principale opzione che acconsente a fornire quei dati. Lo ha scoperto Associated Press, che ha condotto una sua indagine in collaborazione con degli informatici dell’università di Princeton.

App come Google Maps, usata estesamente sia dagli utenti Android che da quelli con iPhone, chiedono esplicitamente all’utente se intende fornire le informazioni sulla propria posizione quando vengono usate. Il posto principale in cui finiscono questi dati è la “Cronologia delle posizioni”, un servizio che permette di «ricevere risultati e consigli migliori sui prodotti Google» come «consigli basati su luoghi che hai visitato con dispositivi su cui hai eseguito l’accesso oppure previsioni sul traffico lungo il tuo tragitto giornaliero». Google dice che «puoi disattivare la Cronologia delle posizioni in qualsiasi momento. Se è disattivata, i luoghi che visiti non vengono più memorizzati».

Non è esattamente così, ha scoperto AP, e lo dice la stessa pagina di informazioni di Google che compare quando si disattiva la funzione (ci si accede dal profilo Google, andando su Dati personali e privacy —> Gestione attività —> Cronologia delle posizioni). Se si disattiva la spunta, Google dice che «alcuni dati sulla posizione potrebbero essere salvati come parte della tua attività su altri servizi Google, come Ricerca e Maps». È però un’informazione che compare solo a chi disattiva manualmente la spunta.

Come spiega AP, Google raccoglie le informazioni sulla posizione (associata all’ora) anche degli utenti che hanno deselezionato l’opzione Cronologia delle posizioni: per esempio quando apre Maps, ma non solo. Anche per fornire gli aggiornamenti meteo quotidiani automatici su Android, per esempio, oppure per ricerche molto generiche su Google, che non hanno apparentemente niente a che vedere con la propria posizione (AP fa l’esempio di «biscotti al cioccolato»). Secondo AP, questa raccolta dati riguarda circa due miliardi di dispositivi Android e centinaia di milioni di iPhone.

Questi dati non finiscono nella Cronologia delle posizioni, ma altrove. C’è una funzione per impedire completamente a Google di archiviare i dati sulla propria posizione, anche se dal nome non si direbbe. Nella stessa schermata dove si trova l’opzione Cronologia delle posizioni ce n’è una che si chiama “Attività web e app”: deselezionandola, si impedisce a qualsiasi servizio di archiviare dati sulla posizione. Ma lasciandola attiva e deselezionando solo la Cronologia delle posizioni, si impedisce a Google solo di registrare le proprie posizioni sulla cronologia, ma non di raccogliere altri dati sulla localizzazione dell’utente per altri servizi. Riattivando l’opzione Attività web e app, un avviso di Google dice che la funzione registra le informazioni sulle attività che l’utente svolge sui servizi Google, compresa la posizione. Anche in questo caso, però, l’avviso compare solo a chi disattiva e poi riattiva manualmente la funzione.

Contattata da AP, Google ha confermato, spiegando però che il funzionamento dei sistemi di raccoglimento dati sulla posizione dell’utente sono spiegati chiaramente in modo che chiunque possa decidere se tenerli attivi o disattivarli. Cancellare i dati sulla posizione raccolti da Google è un processo lungo e faticoso, perché bisogna selezionarli a uno a uno, a meno di non cancellare tutti i dati raccolti da Google.

Google tiene particolarmente ai dati sulla posizione degli utenti perché consentono di vendere inserzioni pubblicitarie locali e personalizzate, che per esempio compaiono agli utenti in un certo raggio da un negozio. Le informazioni per la posizione servono poi a far funzionare meglio molti servizi e a fornire risultati personalizzati alle ricerche.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.