Lombok, Indonesia, 6 agosto 2018 (AP Photo/Tatan Syuflana)
  • Mondo
  • lunedì 6 Agosto 2018

Almeno 98 morti per il terremoto in Indonesia

È il secondo in una settimana a colpire l'isola di Lombok: sono crollate decine di edifici e in molte zone manca ancora la corrente

Lombok, Indonesia, 6 agosto 2018 (AP Photo/Tatan Syuflana)

Almeno 98 persone sono morte e altre centinaia sono state ferite in seguito al terremoto che domenica pomeriggio ha colpito l’isola di Lombok, in Indonesia. La scossa principale è arrivata alle 18.46 ora locale, è stata di magnitudo 7 con una profondità di circa dieci chilometri. Decine di edifici, costruiti con materiale scadente, sono crollati e numerose zone dell’isola ora si trovano senza corrente elettrica. Le scosse hanno causato danni anche nella vicina isola di Bali e video diffusi su internet mostrano decine di persone scappare in strada.

Lombok era già stata colpita da un’altra scossa la scorsa settimana, quando 16 persone rimasero uccise e più di 500 rimasero intrappolate sulla cima di un vulcano. Nei giorni scorsi sono state registrate oltre 130 scosse di assestamento.  Nonostante le scosse, gli aeroporti di entrambe le isole sono ancora in funzione e non hanno riportato particolari danni.

Le isole di Lombok e Bali sono densamente popolate e hanno rispettivamente 3 e 4 milioni di abitanti, a cui si aggiungono ogni anno milioni di turisti. A Mataram, la città principale di Lombok, gli ospedali sono stati evacuati e i pazienti assistiti per strada. Lo stesso hanno fatto i medici dell’ospedale di Denpasar, a Bali.

Il terremoto ha causato danni e panico anche nelle isole Gili, un gruppo di tre isole vicine a Lombok molto popolari tra i turisti. Il governo indonesiano ha organizzato l’evacuazione di circa mille turisti, tra cui ci sono alcuni feriti non in condizioni gravi. I filmati girati alle Gili mostrano centinaia di persone lungo le spiagge in attesa di essere evacuate.