• Sport
  • domenica 5 agosto 2018

30 anni da Federica Pellegrini

Foto e vittorie di una delle atlete italiane più vincenti, popolari e sportivamente longeve di sempre

Federica Pellegrini compie oggi 30 anni, metà dei quali vissuti come il personaggio-Federica-Pellegrini: ne aveva infatti appena compiuti 16 quando vinse alle Olimpiadi di Atene la sua prima medaglia d’argento nei 200 metri stile libero, diventando la più giovane atleta italiana a vincere una medaglia olimpica individuale. Da allora, Pellegrini ha macinato vittorie su vittorie: ha battuto 11 volte un record mondiale, è stata la prima donna a nuotare i 400 metri in stile libero in meno di quattro minuti e detiene il record mondiale dei 200 metri e quello europeo dei 400. Ha vinto anche un’altra medaglia olimpica, sempre nei 200 stile libero ma stavolta d’oro, ai Giochi di Pechino 2008. E diventò la prima nuotatrice italiana in assoluto a vincere un oro alle Olimpiadi.

Ha partecipato, seppur con risultati più deludenti, ad altre due Olimpiadi: quelle di Londra nel 2012, e di Rio nel 2016, e si sta preparando per affrontare quelle di Tokyo nel 2020. Tutto questo in uno sport fatto di giovanissimi fenomeni che spesso durano poche stagioni, una o due Olimpiadi al massimo, ma che poi non reggono agli allenamenti, alla routine e alla pressione richiesti a un atleta di quei livelli.

Federica Pellegrini continua invece a reggere tutto questo insieme al peso della fama, che con la complicità delle incredibili vittorie e della giovane età l’ha trasformata subito in un personaggio da televisioni, giornali e riviste di gossip. Tra una gara e l’altra di Pellegrini abbiamo letto di tutti i suoi fidanzati, l’abbiamo vista in un milione di spot televisivi e associata a eventi e campagne di ogni tipo – dal fare “la colombina” al carnevale di Venezia al Festival di Sanremo a Miss Italia. È stata trasformata in parte in una celebrità da rotocalchi e insieme in una specie di bene nazionale: quando il livello dei suoi risultati è sceso un po’ – soprattutto dopo la morte improvvisa del suo allenatore Alberto Castagnetti, nel 2009 – questo ha contribuito ad alcune critiche ingenerose. I momenti difficili continuarono con le Olimpiadi di Londra, quando non vinse nulla e decise di prendersi un anno sabbatico, e poi ancora con la delusione ai Giochi di Rio, che fece parlare di un suo ritiro dalle gare, smentito dall’annuncio di voler continuare fino a Tokyo 2020.

La ripresa è arrivata negli ultimi tre anni, soprattutto ai Mondiali di Budapest del 2017, quando ha vinto di nuovo i 200 metri, la sua specialità, sconfiggendo la favorita Katie Ledecky. In quell’anno si è confermata l’atleta più vincente nella storia dei mondiali nei 200 metri stile libero e l’unica nuotatrice della storia ad aver vinto 7 medaglie in 7 Mondiali consecutivi, sempre nei 200 metri. Nel frattempo continua a gareggiare – in questi giorni è impegnata negli Europei a Glasgow – e a coltivare la sua parallela carriera da celebrità, facendo da giudice nel programma Italia’s Got Talent.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.