• Mondo
  • giovedì 2 agosto 2018

Una medaglia Fields, il cosiddetto “Nobel della matematica”, è stata rubata un’ora e mezza dopo la cerimonia

La medaglia Fields, considerata il premio più prestigioso nel mondo della matematica, è stata rubata a Caucher Birkar, un professore di Cambridge, un’ora e mezzo dopo che l’aveva ricevuta, mercoledì a Rio de Janeiro, in Brasile. Birkar è una delle quattro persone ad aver ricevuto la medaglia, che viene assegnata ogni 4 anni dal Congresso internazionale dei matematici a matematici con meno di 40 anni. L’aveva lasciata in una valigetta, insieme al cellulare e al portafoglio, su un tavolo del padiglione in cui si era svolta la cerimonia; il personale di sicurezza ha poi ritrovato la valigetta sotto una panchina ma non la medaglia. Il quotidiano brasiliano O Globo ha scritto che il ladro è già stato identificato grazie ai video delle telecamere di sorveglianza. Birkar è un curdo iraniano e si è trasferito in Regno Unito come rifugiato vent’anni fa.

Le medaglie Fields vennero istituite 1936 e chiamate in questo modo in onore del matematico canadese John Charles Fields, che finanziò un fondo per la loro assegnazione. Quest’anno in Italia se n’è parlato più del solito visto che una è stata consegnata a un matematico italiano, Alessio Figalli: prima di lui l’aveva vinta soltanto un altro italiano, Enrico Bombieri, nel 1974.

Alessio Figalli ha vinto la medaglia Fields

Caucher Birkar riceve la medaglia Fields a Rio de Janeiro, 1 agosto 2018 (STR/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.