Hafiz Saeed, capo di un partito politico religioso, candidato alle prossime elezioni e co-fondatore di un'organizzazione definita "terroristica" dall'ONU, a Lahore, Pakistan (AP Photo/K.M. Chaudary)
  • Mondo
  • mercoledì 18 Luglio 2018

In Pakistan gli estremisti islamisti potranno fare i parlamentari

Nelle liste elettorali per il voto del 25 luglio ci sono candidati molto radicali e sospetti terroristi, appoggiati forse dai militari

Hafiz Saeed, capo di un partito politico religioso, candidato alle prossime elezioni e co-fondatore di un'organizzazione definita "terroristica" dall'ONU, a Lahore, Pakistan (AP Photo/K.M. Chaudary)

Mercoledì prossimo, il 25 luglio, in Pakistan si eleggerà il nuovo parlamento. Saranno elezioni da tenere d’occhio per almeno due ragioni: innanzitutto perché mostreranno quanti consensi ha perso la Lega musulmana del Pakistan dopo le dimissioni forzate del suo leader ed ex primo ministro Nawaz Sharif, che all’inizio di luglio è stato condannato a 10 anni di carcere per corruzione; e poi perché potrebbero avere tra i suoi vincitori forze politiche molto controverse, già sanzionate per i loro legami con l’estremismo islamista, come per esempio il partito Ahle Sunnat Wal Jamaal (ASWJ).

La storia recente dell’ASWJ è unica e a suo modo sorprendente. Il suo leader, Aurangzeb Farooqi, è stato accusato di diffondere l’odio religioso ed è stato legato all’omicidio di diversi attivisti sciiti pakistani (in Pakistan lo sciismo è l’orientamento minoritario dell’Islam: la maggior parte della popolazione, così come Farooqi, è musulmana sunnita). Diversi osservatori pensano che il partito di Farooqi, l’ASWJ, sia la “faccia politica” di Lashkar-e-Jhangvi, un gruppo violento e settario legato ad al Qaida. Farooqi, insieme ad altri candidati alle elezioni del 25 luglio, fa parte della lista dei sospetti terroristi sorvegliati dalle autorità del Pakistan: gli è impedito di interagire con le folle in pubblico, di viaggiare in certe aree del paese e di usare i suoi conti bancari, ma paradossalmente gli è concesso di presentarsi alle elezioni. Farooqi sarà candidato nel collegio di Karachi, città meridionale del Pakistan, e sembra avere buone possibilità di essere eletto.

La vicinanza a movimenti radicali islamisti non riguarda solo l’ASWJ, ma anche altre forze politiche: per esempio un nuovo partito chiamato Tehreek-e-Labbaik, che ha proposto tra le altre cose di rafforzare le pene per chi è condannato per blasfemia.

Alcuni attivisti hanno provato negli ultimi mesi a bloccare la candidatura di Farooqi e di altri candidati legati all’estremismo islamista, senza successo. Un tribunale pakistano ha bocciato la petizione degli attivisti, dicendo di non avere ricevuto un numero sufficiente di richieste da giustificare l’esclusione dei candidati in questione dalle liste elettorali. È stata una decisione di un certo peso, soprattutto se si considera che il Pakistan è appena stato reinserito nella “lista grigia” della Financial Action Task Force, gruppo con base a Parigi che ha l’obiettivo di bloccare i finanziamenti ai gruppi terroristici: in altre parole, il rapporto del Pakistan con l’estremismo islamista e il terrorismo è tornato a livelli molto allarmanti.

Secondo diversi funzionari citati dal New York Times, il motivo per cui le autorità del Pakistan hanno permesso candidature così controverse e legate all’estremismo islamista è da ricercarsi nel ruolo che l’esercito continua ad avere nel paese. I militari pakistani sono potentissimi e negli ultimi decenni hanno fatto colpi di stato e condizionato la vita politica pakistana in maniera massiccia e invasiva. Gli attivisti credono che i militari – da sempre accusati di essere vicini ai gruppi estremisti radicali – abbiano cercato di influenzare i tribunali per permettere la candidatura di leader come Farooqi.

Allo stesso tempo avrebbero cercato di penalizzare la Lega musulmana del Pakistan, il partito dell’ex primo ministro Sharif che aveva limitato l’influenza dell’esercito nella vita politica nazionale e aveva apertamente contestato l’appoggio dei militari ai gruppi terroristici. Diversi candidati della Lega musulmana del Pakistan sono stati esclusi dalle liste elettorali, e solo un paio di settimane fa un tribunale pakistano ha riammesso Shahid Khaqan Abbasi, cioè colui che aveva preso il posto di Sharif dopo le sue dimissioni forzate. Diversi osservatori temono che alle prossime elezioni guadagneranno forza i partiti estremisti, come l’ASWJ, vanificando gli sforzi che avevano fatto alcuni politici pakistani negli ultimi anni.