• Mondo
  • venerdì 6 luglio 2018

L’ex primo ministro pakistano Nawaz Sharif è stato condannato a 10 anni di carcere

Con l'accusa di corruzione, in relazione a un'indagine iniziata con i Panama Papers che lo aveva già costretto alle dimissioni

L’ex primo ministro pakistano Nawaz Sharif è stato condannato a 10 anni di carcere per corruzione in un processo su alcuni appartamenti di lusso comprati a Londra dalla sua famiglia. Il tribunale pakistano che si è occupato del caso sostiene che Sharif e la sua famiglia non siano riusciti a spiegare come abbiano ottenuto i soldi necessari per comprare gli appartamenti. Sua figlia Maryam, considerata da molti come la sua erede politica, ha ricevuto una condanna a sette anni di carcere nell’ambito dello stesso processo e non potrà candidarsi alle elezioni politiche che si terranno fra tre settimane. Sharif si era dimesso a luglio del 2017 dopo che la Corte Suprema pakistana aveva deciso la sua rimozione dall’incarico in seguito alle indagini sugli appartamenti a Londra, di cui si è venuto a sapere attraverso i Panama Papers.

(AAMIR QURESHI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.