Fotografie dai Rencontres d’Arles

Cioè il più importante festival europeo dedicato alla fotografia: vale la pena fare tappa se passate nel sud della Francia nei prossimi mesi


È iniziata lunedì la settimana inaugurale di Les Rencontres d’Arles, il più importante festival europeo dedicato alla fotografia. Il festival – fondato nel 1970 dal fotografo di Arles Lucien Clergue, dallo scrittore Michel Tournier e dallo storico Jean-Maurice Rouquette – comprende 30 mostre di artisti affermati ed emergenti che dureranno fino al 23 settembre e per la prima settimana (dal 2 all’8 luglio) ha un ricco programma di incontri e serate (trovate il programma completo qui).

Quest’anno il tema è Back to the Future, ritorno al futuro, ed è declinato in diverse sezioni, tra cui America great Again, sulla fotografia americana e fotografi come Robert Frank e Laura Henno; Run Comrade, The Old World is Behind You, dedicata al Sessantotto, con un gruppo di mostre che parlano di eventi come le manifestazioni studentesche e gli scioperi in Francia o l’assassinio di Robert Kennedy. Tra le altre sezioni anche Augmented Humanity, con lavori di Cristina de Middel e Bruno Morais, Matthieu Gafsou e Jonas Bendiksen; mentre di fotografia documentaria si parla nelle sezioni Platform of the visibile e The World as it is. 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.