• Mondo
  • mercoledì 27 giugno 2018

La Corte Suprema del Regno Unito ha permesso a una coppia eterosessuale di sposarsi con una unione civile

La Corte Suprema del Regno Unito ha permesso a una coppia eterosessuale di Londra di sposarsi con una unione civile. Sulla carta la legge sulle unioni civili, approvata nel 2004 dal governo laburista di Tony Blair, prevede gli stessi diritti del matrimonio ma stabilisce che possono essere contratte solamente da coppie omosessuali. La coppia che aveva fatto causa al governo sosteneva di non volersi unire per mezzo di una istituzione come il matrimonio, che «per secoli ha trattato le donne come un oggetto». La sentenza non obbliga il governo a modificare la legge ma è probabile che lo spinga comunque a intervenire, ha spiegato il corrispondente di BBC che si occupa di diritto.

 

(Jack Taylor/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.